A- A+
Esteri

Il premier dalla D'Urso è stato chiaro: “A fare l’invasione della Libia con cinquemila uomini l’Italia, con me presidente, non ci va. Non è un videogioco”. E infatti, complici anche i sondaggi negativi, l’Italia non invaderà la Libia (ci vorrebbero centinaia di migliaia di uomini).

Quando le condizioni lo permetteranno, alle nostre forze armate spetterà un compito chiaro e cioè quello di schierare una sorta di anello difensivo attorno a Tripoli per garantire l’agibilità alle istituzioni politiche e finanziarie libiche. È questa l'ipotesi alla quale lavorano gli strateghi militari italiani assieme agli alleati.

Messa in sicurezza la capitale e i pozzi petroliferi si passerà ai bombardamenti e al lancio di missili da crociera da sottomarini e navi, oltre che all’intervento di reparti di forze speciali di alcuni paesi arabi e nordafricani. Quello dell'Italia sarà comunque un ruolo non secondario in quanto fornirà buona parte delle basi aeree necessarie per lanciare i raid. Da valutare anche la presenza della centrale di comando sul nostro territorio.

Tags:
libia
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.