A- A+
Esteri
Londra, la polizia: abbiamo i nomi degli attentori

La polizia londinese ha fatto irruzione questa mattina in altre due abitazioni nei quartieri di Newham e Barking nella zona est della capitale in relazione all'attacco terroristico di sabato sera rivendicato dall'Isis, quando tre uomini a London Bridge hanno travolto con un furgone la folla e poi accoltellato i passanti nel vicino Borough Market, uccidendo 7 persone e ferendone 48.

"Intorno alle 4,15 di lunedì (le 5,15 in Italia ndr) - fa sapere la polizia in un comunicato - gli ufficiali del comando antiterrorista che investigano sugli attentati di London Bridge hanno effettuato perquisizioni" a due nuovi indirizzi, uno a Newham e un altro a Barking. Sky News aggiunge che i residenti della zona si sono svegliati al rumore di "forti botti e colpi di fucile" nelle prime ore del mattino. Anche un utente di Twitter, BatemanLDN ha aggiunto che "si è svegliato insieme a tutta la strada. Enormi botti seguiti da colpi d'arma da fuoco. Tutto ok, però i residenti molto scossi. Ora si è tutto acquietato".

Altri dodici arresti erano già stati effettuati ieri sempre a barking, sette donne e cinque uomini di età comprese fra i 19 e i sessant'anni; un uomo di 55 anni è stato successivamente rilasciato senza accuse.

I tre attentatori. Scotland Yard ha intanto fatto sapere di conoscere l'identità dei tre attentatori uccisi dagli agenti intervenuti dopo l'attacco. I loro nomi, ha affermato la polizia, verranno resi noti "non appena sarà operativamente possibile". L'attentato è stato rivendicato dallo Stato Islamico.

Gli errori dell'antiterrorismo. E cresce la pressione sull'antiterrorismo britannico, mentre emergono dettagli che ricordano da vicino la vicenda di Salman Abedi, il kamikaze autore dell'attentato che lo scorso 23 maggio ha provocato decine di morti all'Arena di Manchester. Uno dei tre terroristi che sabato hanno seminato la morte a Londra era infatti ben noto alla polizia, tanto da esser stato filmato, in un documentario poi andato in onda su Channel 4, mentre discuteva con agenti perchè aveva dispiegato una bandiera dell'Isis in un parco. Lo riporta il Daily Mail, pubblicando anche la foto dell'uomo, catturata al fianco di due predicatori incendiari ben noti alla polizia e all'intelligence.

Il 'terrorista della porta accanto'. Non solo: l'uomo - "padre di due bambini che aveva ingannato tutto il suo quartiere atteggiandosi a persona tranquilla, uno che giocava a pallone sul campetto vicino casa", una sorta di 'terrorista della porta accanto' - si stava però radicalizzando guardando i video su Youtube; e un suo amico lo aveva segnalato, telefonando  al numero verde dell'antiterrorismo. La polizia era stata anche avvertita circa il sospetto che egli stesse radicalizzando addirittura i bambini, in un parco locale, due anni fa. Il 27enne musulmano era apparso in uno documentario televisivo lo scorso anno dedicato ai jihadisti britannici. Il Daily Mail aggiunge che non "divulga il nome" del terrorista "su richiesta della polizia, per non interferire con le indagini".

Le vittime del massacro. Ha un nome una delle sette vittime del massacro. Si tratta della canadese Christine Archibald, 31anni, originaria della British Columbia, trasferitasi a Londra per stare con il fidanzato. E' stata la famiglia a rivelarne la morte. La sorella ha raccontato alla Cbc che Christine è morta tra le braccia del fidanzato. "E' a pezzi. L'ha abbracciata e l'ha vista morire sotto gli occhi" ha detto.

Il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian ha confermato che tra le vittime c'è un cittadino francese, mentre i media francesi dicono che tra i feriti ci sono sette francesi, quattro dei quali in condizioni critiche, e una persona è dispersa.

Tra i 48 feriti di sono anche un agente fuori servizio della metropolitan police e un agente della polizia dei trasporti che hanno affrontato i terroristi armati solo di un bastone. Almeno 21 persone sono in condizioni critiche, secondo il servizio sanitario nazionale britannico.

E' stato colpito alla testa dal fuoco della polizia un cittadino britannico, che non si trova in pericolo di vita e dovrebbe riprendersi completamente. Lo ha detto Mark Rowley, il vice capo della polizia, spiegando che gli agenti hanno sparato 50 colpi per fermare gli assalitori, tutti e tre uccisi.

Tra i feriti gravi c'è anche Geoff Ho, giornalista del Sunday Express ed esperto di arti marziali, colpito dagli assalitori mentre tentava di difendere un buttafuori ferito. Un video lo mostra mentre viene portato via da un agente, e si stringe il collo tra le mani.

Trump: "Questo bagno di sangue finirà". Donald Trump è tornato a parlare dell'assalto al London Bridge a Londra, definendolo un "orribile attacco terroristico". Per il presidente Usa, "questo bagno di sangue deve finire" e "questo bagno di sangue finirà". Intervenendo domenica sera ad una serata di gala a Washington, Trump ha promesso che "come presidente farò ciò che è necessario per impedire che questa minaccia raggiunga i nostri confini" e per "proteggere gli Stati Uniti e i loro alleati da un nemico vile che ha dichiarato guerra contro delle vite innocenti".

Tags:
londra isis
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.