A- A+
Esteri
M5s:"Assurdo non relazionarsi con la Cina.Salvini non era contro la Belt&Road"

"Quando eravamo al governo insieme, non erano contrari alla Belt and Road: l’atteggiamento odierno di Salvini è da leggere solo in chiave di critica pregiudiziale al governo Conte". Gianluca Ferrara, senatore e capogruppo del Movimento Cinque Stelle alla Commissione Esteri di Palazzo Madama, risponde alle critiche della Lega per i rapporti dei pentastellati con la Cina in un'intervista ad Affaritaliani.it.

Senatore Ferrara, Su quali principi si basa il rapporto del M5S con la Repubblica Popolare Cinese?

Quelli su cui si basa il rapporto con tutti gli altri Stati: cooperazione, promozione del made in Italy, non ingerenza negli affari interni, sostegno al dialogo e alla pace. Nell'attuale contesto geopolitico la Cina rappresenta innegabilmente un attore primario con cui è assurdo pensare di non avere buone relazioni, soprattutto tenendo conto del suo gigantesco potenziale di espansione per il nostro export. Altrettanto inutile sarebbe negare che in Cina ci sono problemi e contraddizioni, non potrebbe essere altrimenti in un paese così grande e che è cresciuto così celermente. Ma per noi la Cina, in un mondo multipolare e nel rispetto delle alleanze in cui stiamo e rimarremo, rappresenta un partner irrinunciabile, nel solco della nostra vocazione storica di ponte tra occidente e oriente che risale ai tempi di Marco Polo.

Su Hong Kong (e non solo), Il M5s ha scelto la linea della non ingerenza. Fino a quando vale questo principio e quando invece eventuali situazioni, anche non collegate a Hong Kong, necessitano una presa di posizione?

Le nostre prese di posizione a livello internazionale si basano sul rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani. Se, come è accaduto con la Turchia in Siria, uno Stato ne invade un altro aggredendo in maniera unilaterale una minoranza è allora indispensabile una presa di posizione come ha fatto immediatamente il nostro ministro degli Esteri che ha convocato l’ambasciatore turco e ha promosso a livello europeo l’embargo sulla vendita di armi. Questo è un segno di autonomia decisionale, come del resto il M5S aveva palesato nel caso venezuelano, non accodandosi al riconoscimento dell'autoproclamato Guaidò, scelta che oggi si è dimostrata corretta. Non ingerenza significa rifiutare ogni forma di intervento straniero, esplicito o coperto, volto a rovesciare governi legittimi con la violenza. Quindi siamo contro ogni aggressione e occupazione militare, contro ogni colpo di stato e contro ogni movimento di protesta che usa la violenza per perseguire obiettivi politici. Ovviamente siamo anche contrari a ogni violenza di Stato e all'uso eccessivo della forza nella repressione di proteste pacifiche, come sta accadendo in Cile e Bolivia, ma non è questo il caso delle frange più agguerrite e organizzate dei manifestanti di Hong Kong che hanno fatto sistematico uso della violenza, suscitando una formale condanna da parte dell'Alto commissariato Onu per i diritti umani.

La Lega sembra aver assunto una linea molto anti cinese dopo che è passata all'opposizione e Salvini ha attaccato il M5s e Grillo in materia. Ma avevano la stessa linea con voi quando eravate al governo insieme oppure no?

La Lega in politica estera è inaffidabile come lo è in quella interna. Basti pensare alla loro posizione sull’Europa, contraddittoria da tutti i punti di vista. Chiedono all'Europa di farsi carico dei migranti che arrivano da noi e poi si alleano con Orban e Le Pen che rifiutano ogni redistribuzione. Un altro esempio è la Catalogna, dove inizialmente erano vicini alle istanze autonomiste e oggi si sono schierati con Vox, che ne è l’antitesi. Per non parlare dei rapporti ondivaghi con Russia e Usa. Quando eravamo al governo insieme, non erano contrari alla Belt and Road: l’atteggiamento odierno di Salvini è da leggere solo in chiave di critica pregiudiziale al governo Conte.

Crede che un miglioramento dei nostri rapporti con la Cina possa avere conseguenze sui nostri rapporti con gli Stati Uniti?

Siamo ormai in uno scenario multilaterale, le barriere ideologiche bipolari sono cadute con la fine della guerra fredda, il compito dell’Italia è dialogare con tutti e perseguire il proprio interesse nazionale, come del resto fanno tutti i Paesi. Questo non significa mettere in discussione l’amicizia e l’alleanza con gli Usa.

Quanto è difficile per l'Italia mantenere un'autonomia di manovra su temi come per esempio il 5G?

E’ oggettivamente difficile, anche a causa della politica estera dei governi precedenti, ma noi siamo determinati a perseguire i nostri interessi in ogni scenario, ovviamente con la massima tutela della sicurezza delle nostre telecomunicazioni. Sulla rivoluzionaria tecnologia del 5G abbiamo previsto un'estensione delle prerogative di Golden Power statale e un sistema di controlli molto rigoroso che garantiscono la nostra sicurezza cibernetica secondo i migliori standard internazionali.

twitter11@LorenzoLamperti

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    m5slegapolitica esteragianluca ferrara intervistacinahong kong
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.