A- A+
Esteri
Midterm, referendum su Trump: ecco che cosa può succedere

Gli americani si preparano al cruciale appuntamento politico del 6 novembre quando si terranno le elezioni di meta' mandato per il rinnovo di parte del Congresso, ovvero di tutta la Camera (435 seggi) e di un terzo del Senato (35 seggi su 100). In queste elezioni si vota anche per 36 governatori su 50. Il 6 novembre si decideranno dunque gli equilibri politici in Congresso che bloccheranno o metteranno il vento in poppa all'agenda del presidente americano Donald Trump nei prossimi due anni. In palio ci sono l'intera Camera dei Rappresentanti e un terzo del Sanato, oggi entrambi sotto il controllo del partito repubblicano. Ecco cosa puo' succedere.

IL GRAND OLD PARTY MANTIENE IL CONTROLLO DI CAMERA E SENATO   Per Trump sarebbe un trionfo. Direbbe, ancora una volta, di aver avuto ragione, a dispetto dei sondaggi che segnalando un'onda blu guidata da donne e minoranze. Il rischio di nuove inchieste da parte del Congresso, come quella sul Russiagate, sarebbe contenuto. L'agenda all'insegna dell'America First e contro gli immigrati avanzerebbe in modo piu' spedito, con i fondi per il muro al confine con il Messico, lo smantellamento dell'Obamacare e nuovi tagli alle tesse. Il Senato confermerebbe la nomina di altri giudici conservatori alla Corte Suprema (dove Trump ne ha gia' piazzati 2 su 9) e questo sarebbe il suo lascito piu' imponente visto che si tratta di incarichi a vita.

I DEMOCRATICI RICONQUISTANO CAMERA E SENATO   Uno scenario da incubo per Trump. Sarebbero i democratici a vigilare sul rispetto della Costituzione. Il Senato dem potrebbe inoltre portare alla nomina di giudici piu' moderati alla Corte Suprema. L'agenda dell'America First naufragherebbe nelle acque della Camera. Trump potrebbe trasformare il suo secondo biennio in una perenne campagna elettorale, accusando l'establishment di Washington di impedirgli di lavorare e riconquistando la presidenza nel 2020.

I DEMOCRATICI VINCONO LA CAMERA E I REPUBBLICANI MANTENGONO IL SENATO   E' lo scenario considerato piu' probabile. Ai democratici basterebbero 23 seggi per aggiudicarsi il controllo della Camera dei Rappresentanti, composta da 453 deputati. Il traguardo sembra a portata di mano, soprattutto grazie alle donne del partito dell'Asinello. L'ultimo sondaggio del Washington Post/George Mason University vede i liberal in testa in 69 distretti in bilico. Molti dem rappresentano tuttavia circoscrizioni con posizioni non distanti da quelle di Trump, ad esempio sul commercio, uno dei temi sul quale potrebbe essere raggiunto un accordo bipartisan. Il test potrebbe essere rappresentato dall'approvazione del nuovo Nafta, l'accordo di libero scambio con Canada e Messico che Trump ha imposto di rinegoziare e che dovra' essere approvato dal Congresso presumibilmente il prossimo anno.

Commenti
    Tags:
    midtermdonald trumpelezioni usacongresso usasenato usa
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot rinnova la gamma 508

    Peugeot rinnova la gamma 508


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.