A- A+
Esteri
“Occidente preparava l’invasione della Russia”. Il discorso integrale di Putin
Vladimir Putin

Russia, il discorso integrale di Putin per celebrare il "giorno della Vittoria" contro la Germania nazista il 9 maggio 1945

Cari cittadini russi! Cari veterani! Compagni soldati e marinai, sergenti e capitani! Compagni ufficiali, generali e ammiragli! Mi congratulo con voi per il Grande Giorno della Vittoria! La difesa della Patria, quando si decideva il suo destino, e' sempre stata sacra. Con tali sentimenti di autentico patriottismo, la milizia di Minin e Pozharsky si sollevo' per la Patria, attacco' il campo di Borodino, combatte' il nemico vicino a Mosca e Leningrado, Kiev e Minsk, Stalingrado e Kursk, Sebastopoli e Kharkov. Quindi ora, in questi giorni state combattendo per la nostra gente nel Donbass. Per la sicurezza della nostra Patria - la Russia.

Il 9 maggio 1945 e' per sempre iscritto nella storia mondiale come un trionfo del nostro popolo sovietico unito, della sua unita' e del suo potere spirituale, un'impresa senza precedenti al fronte e nelle retrovie. Il Giorno della Vittoria e' vicino e caro a ciascuno di noi. Non c'e' famiglia in Russia che non sia stata toccata dalla Grande Guerra Patriottica. La sua memoria non svanisce mai. In questo giorno, nel flusso infinito del "Reggimento immortale" - figli, nipoti e pronipoti degli eroi della Grande Guerra Patriottica portano fotografie dei loro parenti, soldati caduti che sono rimasti per sempre giovani e veterani che ci hanno gia' lasciato.

Siamo orgogliosi della generazione invincibile e valorosa di vincitori, siamo i loro eredi, ed e' nostro dovere conservare la memoria di coloro che hanno schiacciato il nazismo, che ci hanno lasciato in eredita' l'essere vigili e fare di tutto affinche' l'orrore di una guerra globale non succede piu'. E quindi, nonostante tutte le divergenze nelle relazioni internazionali, la Russia ha sempre sostenuto la creazione di un sistema di sicurezza uguale e indivisibile, un sistema vitale per l'intera comunita' mondiale. Nel dicembre dello scorso anno abbiamo proposto di concludere un accordo sulle garanzie di sicurezza. La Russia ha invitato l'Occidente a un dialogo onesto, a cercare soluzioni ragionevoli e di compromesso, a tener conto dei reciproci interessi. Tutto invano.

I Paesi della Nato non volevano ascoltarci, il che significa che in realta' avevano piani completamente diversi. E l'abbiamo visto. Erano apertamente in corso i preparativi per un'altra operazione punitiva nel Donbass, per un'invasione delle nostre terre storiche, compresa la Crimea. A Kiev hanno annunciato la possibile acquisizione di armi nucleari. Il blocco Nato ha avviato lo sviluppo militare attivo dei territori a noi adiacenti. Cosi' e' stata creata una minaccia per noi assolutamente inaccettabile direttamente ai nostri confini. Tutto indicava che uno scontro con i neonazisti, su cui puntavano gli Stati Uniti e i loro partner, sarebbe stato inevitabile.

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaputinzelensky





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.