A- A+
Esteri
Palmira, l'Isis distrugge l'arco di trionfo

Isis ha ripreso ad accanirsi contro le vestigia dell'antica citta' di Palmira. Stavolta hanno fatto saltare in aria un arco di trionfo di epoca romana di 2.000 anni. Lo ha riferito il capo delle antichita' siriane. Isis ha conquistato Palmira a maggio, celebrando a modo suo: decapita decina di soldati siriani fatti prigionieri. Ad agosto inizia l'opera di distruzione iconoclasta: il 19 agosto decapita l'antico custode della citta' della regina Zenobia, l'82enne archeologo Khaled Assad; poi in rapida successione, il 23 agosto, fa saltare in aria prima il tempio di Ball Amish, e poi il 30 e' la volta del monumento icona di Palrmira, il tempio di Bell. Il 5 settembre tocca alle tombe a torre di epoca romana. Oggi l'ultimo, solo in ordine di tempo affronto alla storia.

Maamoun Abdulkarim, capo delle antichita' siriane, ha detto che sue fonti a Palmira gli hanno riferito della distruzione dell'Arco di Trionfo. Per i jihadisti sunniti le vestigie della citta', tesoro di monumeti pre islamici, sono sacrileghe. Secondo molti analisti dietro la distruzioni, finora sempre riprese con video di alta qualita', si cela anche il traffico di opere d'arte con cui Isis si finanzia. Prima di far esplodere i templi o i pezzi piu' grandi, i jihadisti staccherebbero singoli reperti che poi riapparirebbero sul mercato delle opere d'arte. Per questo l'universita' di Oxford ha lanciato - ma per Palmira e' stato troppo tradi - un piano di mappatura fotografica 3d con droni dotati di telecamere ad alta risoluzione e Gps per immortalare ogni singolo pezzo. L'obiettivo e' duplice: se possibile ricostruire nel futuro i templi distrutti il piu' fedelmente possibile; costituire un immenso database aperto e consultabili a tutti, Interpol forze dell'ordine, storici e mercanti d'arte, per rendere invendibili e quindi privi di valore economico i singoli reperti trafugati prima della distruzione.

Circa 160 militanti jihadisti sono rimasti presumibilmente uccisi ieri durante un attacco dell' esercito siriano nella provincia di Deir Ezzor mentre almeno altri 17 sono morti in un attacco a Homs e Palmira: lo sostiene una fonte militare russa da Latakia (dove c'e' una base aerea russa) citata da Ria Novosti.

Tags:
isispalmiraarco di trionfo
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.