A- A+
Esteri

La Duma ha approvato all'unanimita' e in via definitiva il testo dell'amnistia voluta dal Cremlino per il ventennale della Costituzione che dovrebbe portare alla liberazione, tra gli altri, dei 30 attivisti di Greenpeace, tra cui l'italiano Cristian D'Alessandro, incriminati per l'assalto di settembre a una piattaforma petrolifera nell'Artico. Dopo l'entrata in vigore del provvedimento di clemenza, attesa gia' entro il fine settimana, potrebbero uscire dal carcere con tre mesi di anticipo anche le due attiviste delle Pussy Riot ancora in carcere. L'amnistia non comprendera' i reati di pedofilia e terrorismo.

Con questa apertura, il presidente russo, Vladimir Putin, punta ad alleggerire le polemiche internazionali in vista delle Olimpiadi invernali che si apriranno a Sochi il 7 febbraio, su cui gia' grava l'ombra di boicottaggi per via della legge russa contro la propaganda gay. I tempi del possibile rimpatrio dei 26 militanti stranieri della Arctic Sunrise (al momento impossibilitati a lasciare la Russia) e quelli della liberazione delle due attiviste, Nadia Tolokonnikova e Maria Aliokhina, sono pero' ancora poco chiari.

Al progetto di amnistia, sottoposto alla Duma ai primi di dicembre, sono stati presentati 50 emendamenti. Il testo, liberato dalla Camera bassa del parlamento russo, include nel provvedimento di clemenza i detenuti, gli imputati e gli indagati per i reati di "disordini di massa" e "teppismo". Reato quest'ultimo, per cui sono sotto inchiesta gli Arctic 30, dopo la protesta di settembre contro le trivellazioni nell'Artico, e per cui nel 2012 sono state condannate a due anni di detenzione le Pussy Riot, colpevoli di aver inscenato una performance anti-Putin nella cattedrale di Mosca.

Nel progetto iniziale, l'amnistia per questi reati era prevista solo dopo una sentenza. "Posso anche andare presto a casa dalla mia famiglia, ma prima di tutto non avrei mai dovuto essere incriminato e arrestato", ha commentato il capitano dell'Arctic Sunrise, l'americano Peter Willcox. Plaude all'amnistia anche il portavoce di Greenpeace Russia, Andrei Allekhperov, il quale pero' denuncia che la rompighiaccio della Ong ambientalista e' ancora sotto sequestro delle autorita' russe, nonostante il parere contrario del Tribunale internazionale del mare.

Soddisfazione, seppure contenuta, anche per le Pussy Riot, le quali sarebbero state comunque scarcerate a marzo. Come ha fatto sapere uno dei loro avvocati, Irina Khurnova, Nadia e Maria potrebbero essere fuori gia' entro Capodanno. Il marito di Nadia, Pietr Verzilov, ha scritto su Twitter che le autorita' penitenziarie hanno promesso di fare di tutto per evitare "ritardi burocatrici". Anche la terza attivista del gruppo punk femminista, Katia Samutsevich, condannata e poi scarcerata con la condizionale l'anno scorso, rientrera' nell'amnistia. Come pure una serie di diverse categorie di cittadini: dalle donne incinta, alle madre di minori, fino ad anziani, invalidi ed ex 'liquidatori' di Chernobyl.

Tra gli emendamenti respinti dai deputati, quello che avrebbe permesso di liberare anche i militanti dell'opposizione accusati di disordini di massa, nella manifestazione del 6 maggio 2012 in piazza Bolotnaya, a Mosca, contro il ritorno di Putin al Cremlino: potra' beneficiare dell'amnistia solo chi e' stato accusato di avervi partecipato, ma non chi e' sospettato di aver organizzato i disordini e aver usato violenza contro le forze dell'ordine. Fuori dall'amnistia anche il nemico giurato di Putin, l'ex oligarca Mikhail Khodorkovsky, in carcere dal 2003, e il blogger-avvocato Alexei Navalny, condannato per frode a cinque anni di detenzione con la condizionale. Esclusi anche pedofili e quanti siano coinvolti in reati di terrorismo come l'addestramento, l'appartenenza a gruppi terroristici o la partecipazione ad attivita' terroristiche. Non e' ancora stato precisato il numero di persone che saranno amnistiate, ma le stime vanno dalle 20 ai 25.000. Come riportato dalle agenzie russe, il provvedimento potrebbe entrare in vigore prima del fine settimana, dopo la pubblicazione del testo ufficiale, e sara' poi attuato entro sei mesi.

Tags:
amnistia
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.