A- A+
Esteri
Russia, condannato a 25 anni di carcere il dissidente Vladimir Kara-Murza
Il dissidente russo Kara-Murza

Russia, condannato a 25 anni il dissidente Kara-Murza

In Russia il tribunale di Mosca ha condannato il dissidente Kara-Murza a 25 anni di prigione. Lo riferisce la Tass. Vladimir Kara-Murza è stato processato, tra l'altro, per tradimento per le sue critiche alla guerra in Ucraina. Kara-Murza cittadino con passaporto russo e britannico è un noto dissidente politico di Vladimir Putin ed è stato condannato con l'accusa di alto tradimento. L'Onu ha già chiesto il rilascio immediato.

Londra convoca l'ambasciatore russo su Kara-Murza 

Il governo britannico ha convocato l'ambasciatore russo dopo la condanna di Kara-Murza. "La mancanza di impegno della Russia nella protezione dei diritti umani fondamentali, inclusa la libertà di espressione, è allarmante", ha affermato il ministro degli Esteri britannico James Cleverly in una dichiarazione, riportata dal Guardian. "Continuiamo a sollecitare la Russia ad aderire ai suoi obblighi internazionali, compreso il diritto di Vladimir Kara-Murza ad un'assistenza sanitaria adeguata".  

E' stato bandito dalla professione giornalistica per 7 anni 

Per decisione del tribunale, è stato anche multato e bandito dalla possibilità di svolgere qualsiasi attività giornalistica per sette anni. Vladimir Kara-Murza è in carcere dall'aprile del 2022. Inizialmente, è stato accusato di "diffondere pubblicamente informazioni consapevolmente false". Secondo l'inchiesta, durante un discorso negli Stati Uniti, ha accusato le forze armate russe di utilizzare mezzi di guerra proibiti. Successivamente, sono stati aperti altri due procedimenti contro di lui, che in ottobre sono stati riuniti in un unico dossier. Il caso di Vladimir Kara-Murza è il primo in Russia in cui è stato applicato il nuovo reato di tradimento.

Kara-Murza ai giudici: "Non rinnego nulla" 

Kara-Murza, che in precedenza aveva paragonato il suo processo a una delle purghe di Joseph Stalin, ha fatto pressioni su governi e istituzioni straniere per imporre sanzioni alla Russia e ai singoli cittadini russi per presunte violazioni dei diritti umani. "I criminali dovrebbero pentirsi di ciò che hanno fatto. Io, invece, sono in prigione per le mie opinioni politiche. So anche che verrà il giorno in cui l'oscurità sul nostro Paese si dissiperà", ha dichiarato Kara-Murza. 

In un discorso finale alla corte la scorsa settimana, Kara-Murza ha assunto un tono di sfida, ha rifiutato di chiedere alla corte di assolverlo e ha detto di sostenere tutto ciò che aveva detto. "Incolpo me stesso solo per una cosa - ha detto Kara-Murza, 41 anni e tre figli -. Non sono riuscito a convincere abbastanza i miei compatrioti e i politici nei Paesi democratici del pericolo che l'attuale regime del Cremlino rappresenta per la Russia e per il mondo".

La moglie di Kara-Murza: "Orgogliosa di te, condanna è per il coraggio e l'onestà del tuo lavoro"

"Un quarto di secolo è 'dieci e lode' per il tuo coraggio, la tua costanza e onestà nei tuoi tanti anni di lavoro. Sono infinitamente orgogliosa di te", ha scritto in un tweet, Evghenia Kara-Murza, la moglie dell'oppositore. "Ci sarò sempre", ha aggiunto Evghenia, che ha conosciuto Vladimir negli anni di liceo, alla scuola francese di Mosca.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
russia





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.