A- A+
Esteri
Samsung, l'erede dell'impero condannato a 2,5 anni per corruzione

L'erede di Samsung, Lee Jae-yong, è stato condannato a due anni e mezzo di prigione per lo scandalo di corruzione in cui è coinvolto da anni.

Ufficialmente vicepresidente di Samsung Electronics, il maggior produttore al mondo di smartphone e chip, di fatto il capo dell'esteso gruppo, Lee è stato dichiarato colpevole di corruzione e malversazione e immediatamente arrestato. La sentenza priva il gigante sudcoreano del suo principale amministratore. Lo scandalo è lo stesso che ha fatto cadere la presidente sudcoreana Park Geun-hye, che è stata condannata a 24 anni.

Samsung è di gran lunga il più grande dei cosiddetti 'chaebol' del Paese, i conglomerati industriali a controllo familiare che dominano la dodicesima economia mondiale. Il suo fatturato totale rappresenta un quinto del Pil sudcoreano, motivo per cui è fondamentale per la salute economica del Paese. 

Lee era al timone dell'esteso gruppo Samsung da quando suo padre e presidente del gruppo, Lee Kun-hee, morto il 25 ottobre scorso, fu colto da un attacco di cuore nel 2014 che gli impedì di tornare al lavoro

Commenti
    Tags:
    sudcoreaerede samsungcondanna per corruzionecondanna di 25 annilee jae-yongsamsung electronics





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1


    motori
    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.