A- A+
Esteri
Orlando frena la Clinton. Trump cavalca l'anti-Islam

di Giuseppe Vatinno

Il massacro di chiara matrice terroristica –rivendicato dal califfato-, seppur connotato anche da omofobia,  che ha colpito il locale gay “Pulse Club” ad Orlando negli Usa, rischia di nuocere gravemente ai democratici e alla Clinton nella sua corsa alla Casa Bianca.

Infatti, l’opinione pubblica della Florida e in generale americana è frastornata e stordita: un attacco doppio ai valori di indipendenza e libertà non può non pesare in una arroventata campagna elettorale.

Ma non è tanto il fatto in sé, anche se si tratta della strage più rilevante di questo tipo negli Usa, a destabilizzare l’opinione pubblica che si recherà al voto a novembre per eleggere il Presidente degli Stati uniti quanto la  doppia “pezza” che i democratici stanno cercando di metterci peggiorando la situazione.

Obama ha detto che nel suo Paese è troppo facile comprare armi non ricordando che quello delle armi è un tema molto particolare negli Usa essendo garantito dal Secondo Emendamento.

Per gli americani avere armi è come per gli italiani avere l’auto, tutti ce l’hanno perché l’ America è un paese di pionieri in cui si crede nella legittima difesa e, soprattutto, nella possibilità di difendersi adeguatamente. Non è detto che questo sia un “valore” per noi europei ma per gli americani (la maggioranza) lo è sicuramente secondo il detto “Dio creò gli uomini diversi, Colt li rese uguali”.

Se la prima pezza è un “peccato” di volontà la seconda pezza democratica è un peccato, forse ancor più grave, di omissione.

Infatti, invece che soffermarsi sulla natura islamica e terroristica dell’assassino stragista di origine afghane anche se nato negli Usa, Obama, ha taciuto questo fatto.

Premesso che fare di tutta un’erba un fascio è sbagliato e il fondamento di una cultura legislativa democratica è sempre nella responsabilità penale personale, dal punto di vista politico è però un autogol avendo i democratici come (pericoloso) avversario un Trump che non ha certo perso l’occasione per dire: 1) Che servono le armi (che i terroristi comunque si procurerebbero facilmente qualora fossero vietate), 2) Che il terrorista, Omar Mir Saddiq Mateen era islamico e per di più era cittadino nato negli Usa, 3) Che Obama e la Clinton stanno tacendo questa importante verità.

Insomma, i democratici, in un momento difficilissimo per loro e per gli Usa hanno servito su un piatto d’argento un formidabile triplo assist a Trump che non se lo è fatto certo sfuggire chiedendo le dimissioni immediate di Obama.

Una certa cultura buonista  che nasce proprio negli Usa ed è stata esportata in Europa attecchisce sempre meno tra gli elettori e i cittadini sfiancati dalla crisi e prostrati dalla criminalità dilagante; paradossalmente, sono proprio questo tipo di reazioni che alimenta figure estremali e violente come Trump, anzi Trump è la “soluzione” che la gente comune vede più vicina. Soluzione sbagliata e pericolosa ma si potrebbe dire “E’ la politica, stupido” e chi non capisce questi elementari meccanismi di sociologia delle masse non solo è destinato alla sconfitta ma anche a produrre, come detto, “tutti i Trump del mondo”.

Ad esempio, il politologo Larry Sabato dell’ Università della Virginia –una figura archetipale della democrazia liberale- si è affrettato a dichiarare che “Non credo che questi episodi possano aiutare Trump a vincere”. Sono proprio queste figure che poi hanno fatto la fortuna politica della Le Pen in Francia.

Ed allora che fare?

Forse converrebbe qualche volta, in barba al buonismo a buon mercato, ammettere che purtroppo esiste un problema islamico e non si tratta più di singoli elementi ma di una certa cultura di massa che è alimentata da una ideologia aggressiva ed intollerante nei confronti dell’occidente e dei suoi valori. Naturalmente, non tutti gli islamici sono così e non ci stancheremo mai di ripeterlo; però che vi sia un problema islamico è del tutto evidente. Non riconoscerlo, da parte delle forze politiche moderate e democratiche può solo aprire la strada  a soluzioni “forti” che l’ Europa ha già sperimentato  sessanta anni fa…

 

Tags:
strage usa pericolo clintonstrage usa trump clinton
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.