A- A+
Esteri
Usa, l'Arcidiocesi di Santa Fe colpevole di abusi sessuali

Usa, la diocesi di Santa Fe colpevole di abusi sessuali

“122 milioni di dollari per risarcire 375 vittime di abusi sessuali” è la cifra “monstre” che l’arcidiocesi di Santa Fe, una delle più antiche degli Stati Uniti, ha promesso di pagare per evitare il fallimento ma soprattutto per coprire le colpe di pederastia commesse da 74 dei suoi sacerdoti oltre 25 anni fa. Non è la prima volta che la Chiesa in America è stata costretta a pagare per le denunce. Anche le chiese di Portland (Oregon), San Diego (California) e Milwaukee (Wisconsin) hanno subito “class action”come quella di Santa Fe. Nel 2007 i cattolici di Los Angeles hanno firmato un accordo per pagare quasi 500 milioni di dollari per 500 di vittime di abusi. A Santa Fe i religiosi avevavo insabbiato per decenni centinaia di abusi commessi dai sacerdoti. A giugno 2019, quando si è chiusa la finestra per querelare la chiesa per casi di pederastia, i tribunali hanno ricevuto 400 denunce da una comunità di soli due milioni di abitanti. “Nessun importo potrà cancellare il dolore e il trauma dei nostri clienti e delle nostre famiglie. Ci auguriamo che questo accordo possa chiudere le ferite di alcuni sopravvissuti agli abusi”, ha detto Dan Fasey, l'avvocato che sta tutelando alcune delle famiglie denuncianti.

Usa, class action contro le chiese americane

Dal 2018 la diocesi aveva già pagato oltre 50 milioni di dollari in accordi extragiudiziali con le vittime per evitare i processi. Nel commentare l’accordo John Wester, arcivescovo di Santa Fe, ha detto che esso è molto positivo e permette di evitare il capitolo 11 (praticamente il fallimento). "La Chiesa-ha proseguito l’Arcivescovo- si assume la responsabilità di garantire che le vittime di abusi sessuali siano equamente risarcite molto seriamente”. Anche se sembra scontata, la decisione non è stata tuttavia avallata dalle vittime. La trattativa, iniziata quattro anni fa, prevede anche una parte non strettamente finanziaria. La Chiesa cattolica dovrà creare un archivio pubblico con la storia degli abusi degli oltre 70 religiosi coinvolti nello scandalo. Ci saranno anche funzioni religiose e incontri con i sopravvissuti.

Usa, il risarcimento attraverso i soldi delle parrocchie , di enti religiosi e assicurazioni

Come riuscirà l’Arcidiocesi a pagare? Attraverso i soldi delle parrocchie , da enti cattolici e dalle compagnie assicurative della Chiesa. Tutto ciò per proteggersi anche da future cause legali. L'arcidiocesi ha le sue origini nel 1850, quando papa Pio IX creò un vicariato nella regione. 25 anni dopo fu elevata ad arcidiocesi. È una delle realtà religiose più grandi del West americano con 19 contee del New Mexico. Per diversi decenni i responsabili hanno insabbiato centinaia di abusi commessi dai sacerdoti responsabili di parrocchie e chiese. Per onore di cronaca occorre segnalare che adesso l’arcidiocesi conferma di avere una politica di tolleranza zero per gli abusi da 25 anni. Un protocollo per proteggere i bambini e i giovani che richiede un controllo dei precedenti di tutti i dipendenti dell'organizzazione cattolica e l'obbligo di seguire corsi sugli ambienti sicuri per i giovani cattolici. Meglio tardi che mai.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    abusi sessualichiesapederastiausa





    in evidenza
    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    Analogie tra bandiere in panca

    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.