A- A+
Esteri
Usa, nuova numero due alla Cia. Dirigeva centro torture in Thailandia

Gina Haspel è la nuova numero due della Cia. La veterana dell'agenzia statunitense, scrivono il New York Times e altri media, avrebbe diretto uno dei primi 'black site' aperti dagli Stati Uniti, ovvero una prigione in Thailandia dove i presunti terroristi venivano torturati. Haspel, 60 anni, è stata selezionata dal presidente Donald Trump per essere la vice di Mike Pompeo, il direttore della Cia.

Nella prigione thailandese, furono detenuti Abu Zubaida e Abd al-Rahim al-Nashiri, due presunti membri di al Qaida, che furono sottoposti al waterboarding (l'annegamento controllato) e ad altre pratiche di tortura; oggi, i due si trovano nel centro di detenzione di Guantanamo, voluto dal presidente George W. Bush dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. Sarebbe poi stata Haspel a ordinare la distruzione di centinaia di video girati nel centro di detenzione in Thailandia, quando i metodi utilizzati erano ormai sottoposti ad aspre critiche.

Tags:
usanuova numero due cia dirigeva centro torture in thailandia
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
DS Automobiles svela la nuova DS3

DS Automobiles svela la nuova DS3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.