A- A+
Esteri
Usa/ Trump a Obama: non prendere iniziative

Il team di Donald Trump ha ammonito Barack Obama: non faccia passi rilevanti in politica estera durante la transizione perché potrebbe "mandare segnali contrastanti". Il presidente americano uscente, infatti, è alla vigilia di un ultimo viaggio in Europa perché preoccupato dal rischio di sfaldamento del continente. Sale intanto la protesta negli Usa: per la seconda notte dopo il verdetto delle urne, che ha incoronato Donald Trump presidente degli Stati Uniti, migliaia di cittadini americani che non riconoscono il miliardario come loro rappresentante si sono riversati per le strade. Molte città americane, da Baltimora a New York, da Chicago a Denver, da Dallas a Oakland, si sono riempite, di persone che hanno protestato contro la vittoria del candidato repubblicano nella corsa alla Casa bianca. E crescono anche i timori per le future iniziative della nuova amministrazione: New York resisterà ai piani più controversi di Donald Trump sull'immigrazione se il presidente eletto deciderà di metterli in pratica, ha detto il sindaco, Bill de Blasio.

TELEFONATA DI DISGELO TRUMP-HOLLANDE

Il presidente francese François Hollande e il presidente eletto americano Donald Trump oggi nella loro prima conversazione telefonica hanno "corcordato di lavorare insieme per chiarire le rispettive posizioni" sui dossier comuni: lo ha annunciato l'Eliseo. In questa telefonata durata meno di dieci minuti, Hollande e Trump hanno affermato la loro "volontà di lavorare insieme" e "concordato di lavorare insieme per chiarire le posizioni sui dossier comuni: lotta al terrorismo, Ucraina, Siria, Iraq e accordo di Parigi" sul clima, riferisce sempre l'Eliseo. Hanno anche "ricordato la storia e i valori che i due Paesi condividono, le relazioni di amicizia fra Francia e Stati Uniti", ha aggiunto la stessa fonte, precisando che la conversazione si è svolta in "un buon clima".

"Donald Trump è appena stato eletto, mio dovere è fare in modo di avere delle relazioni, le migliori, ma sulla base della franchezza e della chiarezza", ha spiegato Hollande prima della conversazione con Trump. Il capo dello Stato francese, che non ha nascosto la sua preferenza per la democratica Hillary Clinton, aveva reagito mercoledì all'elezione del miliardario parlando dell'inizio di un "periodo di incertezze". In una lettera di felicitazioni indirizzata a Donald Trump sempre mercoledì, Hollande gli aveva proposto di "avviare presto un dialogo", invitando il magnate dell'immobiliare a "prendere coscienza delle preoccupazioni provocate dai disordini del mondo". Durante la campagna elettorale americana, il presidente francese aveva denunciato più volte gli "eccessi" del candidato repubblicano.

Tags:
trump hollande
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.