A- A+
Green
TuttoFood 2013 (3)

di Luigi Esposito - www.luigiesposito.it
 
Positivo il bilancio di TuttoFood 2013, la fiera dell’alimentare organizzata in questa settimana da Fiera Milano. I numeri sono favorevoli: i 2mila espositori hanno avuto una platea di circa 50mila visitatori professionali. I buyer esteri sono aumentati del 40% e gli italiani del 20% rispetto alla terza edizione. Di particolare importanza è stato l’Expo Matching Program che ha consentito di intrecciare le esigenze degli imprenditori con le richieste dei top buyer internazionali. Fiera Milano nelle migliaia di appuntamenti favoriti ha così contribuito a risollevare le sorti dell’agroalimentare italiano.

Positivo il lavoro delle associazioni imprenditoriali di settore che hanno reso corposo il programma dei 150 appuntamenti tra convegni, eventi e momenti formativi. Molto attive l’Assica, la Fipe e l’Aidepi e quasi del tutto assenti le iniziative delle imprese che avrebbero potuto organizzare, anche in co-marketing, degli eventi per condividere e confrontarsi sul successo delle proprie azioni di comunicazione. Anche a TuttoFood la Fipe ha dibattuto sul famigerato articolo 62, ormai depotenziato grazie ai nuovi contratti sostitutivi.

Sul lato dell’offerta di “nuovi prodotti” commercializzabili TuttoFood 2013 ha evidenziato la forte voglia di ripresa dell’imprenditoria che scommette, ad esempio, su nuovi snack alla frutta o su nuovi formati di vendita per il pesce. D’altra parte la creatività non è mai mancata nel mondo del business.

Allo sforzo degli organizzatori di predisporre piacevoli arredi di contorno o di passeggio non sempre è corrisposto un analogo impegno da parte degli espositori, nei cui stand talora si respirava aria stantia. Le piccole e medie imprese dall’agroalimentare evidenziano l’urgenza di dotarsi di una comunicazione seria, organica e piacevole. Un lavoro lungo e concertato fra tutti gli attori che ruotano attorno al mondo aziendale. Qualche azienda ha mostrato una significativa capacità creativa e comunicativa sposando il proprio prodotto, la pasta, con l’altra eccellenza italiana, il fashion. Altri, tra cui una importante azienda del latte, hanno preferito continuare a mostrare l’unico protagonista, il prodotto, senza alcuna intermediazione visiva o rimando narrativo.

Nei 120mila metri quadri di esposizione si sono confrontati vari modi di fare impresa e di vivere l’esperienza imprenditoriale di cui l’edizione 2015 dovrà necessariamente tenerne conto. La concomitanza temporale e fisica con l’Esposizione Universale imporrà una maggiore proiezione internazionale alla quinta edizione e per le imprese espositrici un’accresciuta consapevolezza della necessità di usare la comunicazione come leva per il business.
 

Tags:
tuttofoodalimentaremade in italy
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.