A- A+
Lavoro
Contrasto al lavoro nero e al caporalato
logo fondazione studi
 

Il Consiglio dei Ministri ha da poco approvato un disegno di legge contenete norme in materia di contrasto ai fenomeni di lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura, introducendo strumenti operativi contro il caporalato sia amministrativi, sia penali.

Innanzitutto si renderà obbligatorio e non più facoltativo l’arresto in caso di flagranza del reato.

Ed obbligatoria sarà anche la confisca del prodotto o del profitto del reato, oltre che delle cose utilizzate per la sua realizzazione, in modo che la decisione sulla destinazione di questi beni non sia più affidata alla valutazione discrezionale del giudice.

Può accadere che, al momento della condanna e prima, al momento del sequestro finalizzato alla futura confisca, non si sia nelle condizioni di rintracciare lo specifico profitto o prodotto del reato, oppure le specifiche cose che sono servite alla sua commissione (occultamento, dispersione, consumo o riutilizzo). Si agirà allora su beni, del valore equivalente, che siano ovviamente nella disponibilità del reo, in modo da inibire qualunque forma elusiva della futura confisca ed assicurare in ogni caso la neutralizzazione della pericolosità che si estrinseca con la commissione del reato.

All’elenco dei reati per i quali può operare la confisca cosiddetta estesa o allargata, si aggiungerà anche il delitto di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro di cui all’art. 603 bis c.p. Il reato di caporalato sarà aggiunto a quelli per i quali si determina la responsabilità amministrativa da reato da parte degli enti. Lo sfruttamento dei lavoratori produce, infatti, quasi sempre vantaggio per le aziende, che spesso sono costituite in forma societaria o associativa: accanto alla responsabilità individuale dei singoli soggetti autori del reato, saranno previste specifiche sanzioni (pecuniarie, interdittive e di confisca) anche a carico dell’ente medesimo, quando risulta accertato che il reato sia stato commesso nel suo interesse o a suo vantaggio. Il reato di caporalato sarà, inoltre, inserito nell’elenco di quelli per cui si riconosce il diritto della vittima all’indennizzo a carico dello Stato attingendo al fondo anti-tratta.

Verrà anche rafforzata l’operatività della Rete del lavoro agricolo di qualità, estendendo l’ambito dei soggetti che possono aderire alla Rete, includendovi sportelli unici per l'immigrazione, istituzioni locali, centri per l'impiego, enti bilaterali e soggetti abilitati al trasporto dei lavoratori agricoli. Info dai Consulenti del Lavoro.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.