A- A+
Lavoro
Il sostegno ai giovani per l'ingresso nel mondo del lavoro
logo fondazione studi
 

Come accuratamente evidenziato dallo studio dell’Isfol “L’Age management nelle grandi imprese italiane. I risultati di un’indagine qualitativa”,in Italia le politiche di invecchiamento attivo sono state spesso confuse con le politiche di ricambio generazionale e le politiche di sostegno all’occupazione di lavoratori maturi espulsi o a rischio di espulsione dal mercato del lavoro. In Italia prevale ancora un modello sociale e culturale fondato su un ciclo di vita lineare (si studia, si trova un posto di lavoro, si va in pensione) e su un modello familiare che attribuisce un forte ruolo di sostegno alle giovani generazioni non solo da parte delle donne, ma, in generale, delle persone anziane che, da un lato possono essere utilmente impiegate per supportare un sistema di welfare pubblico sempre meno incisivo, dall’altro, devono “lasciare il posto ai giovani” dal momento che, comunque, “hanno la pensione” e, dunque, possono garantirsi una adeguata qualità della vita.

Si tratta di un modello sociale e culturale fondamentalmente basato sul conflitto generazionale e non sulla centralità della persona, nonostante la retorica che accompagna tali temi sostenga ovviamente il contrario. In questa visione sociale, i giovani sono più istruiti dunque più adatti alle esigenze delle imprese, pertanto è giusto che le persone anziane “lascino il posto ai giovani” dal momento che, comunque, hanno una pensione. Purtroppo, come intuibile, questa retorica socio-culturale del “lasciare il posto” ha permeato tutti gli ambiti e le dimensioni che caratterizzano il nostro modello societario e produttivo e consolidato quella visione meccanicistica e statica del mercato del lavoro e produttiva. Bisognerebbe, dunque, reimpostare meglio la questione, anche per uscire dalle ambiguità e dagli stereotipi che hanno fino ad oggi impedito di andare avanti, parlando di politiche legate alle differenze e al ciclo di vita piuttosto che di politiche di invecchiamento attivo, di conciliazione e via dicendo.

Non solo, dunque, in prossimità della pensione, ma anche nella fase di accesso al lavoro, nella maternità, nella malattia, ecc. le politiche e le strategie aziendali dovrebbero mirare a trarre il meglio dalle potenzialità che i lavoratori esprimono in funzione sia della loro età, ma anche della loro condizione personale e familiare. In una politica (sia pubblica che aziendale) legata al ciclo di vita andrebbero a ricomporsi politiche di conciliazione, di ricambio generazionale, di gestione dell’assenza del lavoratore e altre ancora). E, forse, sarebbe più facile traghettare il modello su cui si fonda la nostra organizzazione sociale da un modello familiare, basato sul conflitto generazionale, ad un modello basato sulla valorizzazione delle persone. Questa ci sembra che dovrebbe essere la prossima pista di studio da approfondire. Forse, ci aiuterebbe anche a capire perché ci sono strumenti e politiche attive che, a dispetto delle anche significative risorse messe in campo, non sono apprezzate dalle imprese.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.