A- A+
Lavoro
Voluntary disclosure, la proroga in Gazzetta Ufficiale
logo fondazione studi
 

E' entrato in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.227 del 30 settembre 2015, il decreto legge n.153/2015 "Misure urgenti per la finanza pubblica" che proroga al 30 novembre la presentazione dell'istanza per la collaborazione volontaria per la regolarizzazione dei patrimoni detenuti all'estero, la voluntary disclosure.

I contribuenti che hanno aderito o aderiranno alla procedura potranno perfezionare la documentazione eventualmente già presentata entro il 30 dicembre prossimo.

Il decreto aggiusta il tiro anche su conti e libretti anonimi, che adesso rientrano nella procedura, ma che rischiavano di costare caro ai possessori che si fossero trovati nella situazione di aderire alla voluntary disclosure senza però poter regolarizzare questo particolare strumento finanziario. Fino all'entrata in vigore del decreto, infatti, se il contribuente faceva valere la procedura di collaborazione volontaria, doveva pagare delle sanzioni aggiuntive per i conti anonimi e i professionisti, che avevano avuto in carica la pratica, erano obbligati a segnalare l'operazione come sospetta ai fini antiriciclaggio

    

 

 

 

 

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.