A- A+
MediaTech

La redazione di Adnkronos ha approvato a larghissima maggioranza (con un voto contrario e due astenuti) questo documento, con il quale assegna al cdr un pacchetto di 7 giornate di sciopero contro i vertici aziendali.

L'Assemblea dei giornalisti dell'Adnkronos proclama lo stato di agitazione e assegna al Comitato di redazione un pacchetto di 7 giornate di sciopero. La decisione si è resa necessaria per rispondere all'azione unilaterale intrapresa dai vertici aziendali il 30 dicembre, con la quale si è interrotta senza motivo la trattativa sindacale in corso con il Cdr e imposto una nuova, impraticabile organizzazione del lavoro e un nuovo regime retributivo per le giornate domenicali, ipotizzandolo anche per le giornate festive, con una inaccettabile forzatura delle norme contrattuali.


Peraltro, nel suo gesto di imposizione unilaterale, l'Azienda ha dimenticato di informare articolazioni importanti dell'Agenzia, quale ad esempio la Redazione di Milano, che si è venuta a trovare nella paradossale situazione di essere lasciata all'oscuro di quanto previsto dal nuovo ordine di servizio. A partire da oggi i giornalisti dell'Adnkronos, oltre ad applicare lo sciopero delle firme, si atterranno ad una scrupolosa osservanza del Contratto nazionale di lavoro giornalistico, con particolare riferimento ad orari, lavoro domenicale e festivo, straordinari, mansioni e indennità.

L'Assemblea ed il Cdr dell'Adnkronos condannano il comportamento aziendale e si preparano ad agire attraverso tutte le forme possibili e le sedi competenti per contrastare le violazioni delle norme contrattuali e delle prerogative sindacali del Comitato di redazione. Nel corso di un serrato confronto svoltosi nelle ultime due settimane, l'Azienda ha tentato di forzare la mano al Cdr cercando di indurlo a firmare un accordo aziendale che avrebbe travalicato i confini del contratto nazionale e sottratto pezzi significativi di retribuzione dalle buste paga dei colleghi in merito al lavoro festivo, domenicale, alle indennità dovute per specifiche mansioni. Inoltre, si preconizzava una inaccettabile forma di controllo della prestazione giornalistica, fuori da ogni confine contrattuale. Il tutto, mentre è in corso un delicato confronto tra Fnsi e Fieg per il rinnovo del Cnlg. 

Il tentativo dell'Azienda era e rimane quello di comprimere ulteriormente il costo del lavoro, senza fornire però alcuna giustificazione in termini di bilanci e senza alcuna assicurazione che gli eventuali risparmi verrebbero investiti in nuovi prodotti e iniziative editoriali. Questo, mentre la Redazione è come sempre chiamata ad assicurare alti standard di qualità del prodotto giornalistico, anche nell'ambito della Convenzione con la Presidenza del Consiglio dei ministri. 

L'Azienda risponde invece alla sfida della qualità del lavoro con un ulteriore impoverimento degli organici per le giornate festive e domenicali e un'ulteriore compressione delle retribuzioni. Su invito dell'Assemblea il Cdr, che già nei giorni scorsi aveva espresso la disponibilità ad un nuovo incontro con i vertici aziendali, chiede un incontro con l'editore del Gruppo Adnkronos, il Cavaliere del Lavoro Giuseppe Marra, per invitarlo a correggere la linea aziendale e a ripristinare un corretto confronto con la Redazione ed i suoi rappresentanti sindacali.

L'Assemblea sollecita inoltre il Direttore responsabile Alessia Lautone, a fronte della palese insostenibilità della nuova e rigida organizzazione del lavoro che mortifica professionalità misconoscendo le competenze dei singoli professionisti e pone i servizi in oggettive difficoltà rispetto allo specifico del lavoro giornalistico, ad assumersi attraverso uno specifico ordine di servizio le sue responsabilità in merito ad una organizzazione del lavoro che sia adeguata agli standard di un'Agenzia di informazione nazionale.


 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
adnkronosgiornalistisciopero
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore

i più visti
in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.