A- A+
MediaTech
Renzi sale sul cavallo di viale Mazzini: via alla cessione di RaiWay

Non è bastato cancellare quel nome dal decreto Irpef. La Rai ha avviato le procedure per la "vendita di una quota minoritaria di RaiWay", la società controllata che gestisce le torri di trasmissione del segnale radiotelevisivo. L'obiettivo è ricavare almeno 150 milioni.

Una nota di Viale Mazzini spiega che il consiglio di amministrazione ha dato mandato al direttore generale, Luigi Gubitosi, di "ridefinire il piano industriale per recepire" il decreto Irpef. Un decreto che costringe a rivoluzionare il piano industriale. E a farlo in tempi brevi, "entro sei/otto settimane", spiega la Rai. Innanzitutto la Rai dovrà fare a meno di 150 milioni provenienti dal canone perché saranno trattenuti dallo Stato e non più trasferiti nelle casse di viale Mazzini.

Ma, all'articolo 21, molto sotto quelli riguardanti i famosi 80 euro in busta paga, il governo Renzi di fatto impone la cessione sul mercato, "secondo modalità trasparenti e non discriminatorie, quote di societa' partecipate". All'ultimo minuto, rispetto alle bozze circolate, è scomparso del decreto il riferimento esplicito a RaiWay. Ma, nella sostanza, nulla è cambiato. Al primo Cda disponibile, è arrivato il mandato a Gubitosi di vendere. Con il rischio di svendere. Perché una dismissione per decreto non fa certo innalzare il prezzo. 

Il governo garantisce "la continuità del servizio" e, per ora, guarda solo alla vendita di una quota minoritaria. Ma si premura anche di dire che "in caso di cessione che determini la perdita del controllo, le modalità di alienazione sono individuate con decreto del Presidente del consiglio dei ministri". Come a dire: per ora gestiamo noi l'infrastruttura. Se dovessimo decidere il contrario, l'interlocutore sarà scelto dal governo. 

RaiWay s'inserisce così nel flusso di un settore in rapido movimento. Mediaset ha venduto il 25% delle sue Ei Towers per 280 milioni. E' stato un modo per fare cassa. Ma, con il Biscione al 40%, anche per rendere la società più contendibile.

Gli analisti sono convinti che il settore si riorganizzerà intorno a un paio di operatori. Non è da escludere quindi una convergenza di interessi tra infrastrutture Rai e Mediaset. Tra Renzi e Berlusconi.

twitter@paolofiore

Iscriviti alla newsletter
Tags:
raiwaytorriei towersdecreto irpef
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici

Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.