A- A+
MediaTech
Coding al femminile, Vodafone lancia il maxi-programma globale

Vodafone lancia un programma di coding a livello mondiale dedicato alle teenager di 26 Paesi. Grazie a questo progetto, in collaborazione con Code First: Girls che tiene corsi di coding per donne, le ragazze tra i 14 e 18 anni dei Paesi dove Vodafone opera (Europa, India, Medio Oriente, Sudafrica e Oceania) potranno partecipare gratuitamente a workshop di programmazione di cinque giornate. Lo rende noto l'operatore tlc in un comunicato.

Il corso fornirà una conoscenza base dei linguaggi informatici e di programmazione come html, CSS, GitHub e Bootstrap, permettendo alle partecipanti di realizzare un sito web entro la fine dei 5 giorni di formazione. In Italia si inizia con 5 giorni di formazione dedicati alle figlie dei dipendenti Vodafone, per poi proseguire con ulteriori iniziative nel corso dell'anno. La programmazione sta diventando una delle competenze più richieste in tutti i settori e oggi sempre più aziende fanno affidamento su codici informatici. La metà di tutte le offerte di lavoro nel campo della programmazione sono di aziende che non operano nel settore della tecnologia ma nel settore finanziario, sanitario e manifatturiero. Inoltre, una ricerca recente ha rilevato che la programmazione è diventata la competenza di base che aumenta maggiormente le probabilità che un candidato possa ottenere uno stipendio elevato.

L'empowerment femminile e l'aiuto ai giovani ad ampliare le proprie competenze attraverso la tecnologia sono due importanti aree di intervento per Vodafone. Vodafone, in Italia, ha un alto livello di occupazione femminile, anche nelle posizioni manageriali. Oltre il 50% dei dipendenti sono donne, con una popolazione manageriale composta per il 40% da figure femminili. A diretto riporto dell'amministratore delegato, Aldo Bisio, ci sono 5 donne e 5 uomini. Questo è possibile grazie alle politiche che valorizzano il talento femminile e una cultura meritocratica che aiuta, nelle scelte manageriali, a promuovere l'eccellenza. Nei primi mesi di quest'anno, l'Unesco si è detta preoccupata per il fatto che "la partecipazione femminile stia decrescendo in un settore in espansione a livello globale".

Nella maggior parte dei Paesi gli uomini rappresentano ancora la stragrande maggioranza dei laureati in ambito tecnico-scientifico (Stem). Nel 2014, circa il 22% dei laureati in scienze, matematica e informatica in Gran Bretagna erano donne. Il gap era anche maggiore in Germania (19.3%), Francia (21.5%) e Svizzera (14.7%). Negli Stati Uniti, le donne rappresentano circa un quarto di coloro che lavorano nel settore Stem. Inoltre, in tale settore ci sono molte meno donne nei consigli di amministrazione rispetto ad altri settori.

Tags:
vodafonecode first: girlsvodafone coding ragazze
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.