A- A+
MediaTech
Draghi: "Ue a rischio, deve essere più unita. Serve maggiore produttività"
Mario Draghi

Ue, Draghi: "Non dobbiamo scendere a compromessi sui nostri valori fondamentali"

"Scendere a compromessi sui nostri valori fondamentali significa mettere in discussione i presupposti stessi dell’Unione Europea". E' uno dei messaggi lanciati dall'ex premier Mario Draghi in un dialogo con Martin Wolf, nel quadro dell’evento “The Global Boardroom: Strategies for Growth and Disruption” organizzato dal Financial Times.

"La guerra in Ucraina - ricorda - è stata preceduta da una lunga serie di arretramenti rispetto ai nostri valori fondamentali: l’ammissione della Russia al G8 nonostante il mancato riconoscimento dell’indipendenza e della sovranità ucraine, la promessa mancata di un intervento in Siria nel caso in cui Assad avesse usato il gas come arma, la Crimea, il ritiro dall’Afghanistan".

"La lezione che se ne può trarre - aggiunge - è che non dobbiamo mai, mai scendere a compromessi sui nostri valori fondamentali. E questi valori fondamentali sono gli stessi sui quali è stata costruita l’Unione europea: la pace, la democrazia, la libertà, la sovranità nazionale".

LEGGI ANCHE: De Luca (Consulenti del Lavoro): "Le nostre priorità: snellire e nuove skills"

Ue, Draghi: "Serve maggiore produttività e tecnologia"

In Europa "abbiamo bisogno di una produttività molto più alta, anche per sostenere una società che invecchia: possiamo riuscirci solo attraverso investimenti ad alto valore aggiunto e ad alto tasso di tecnologia", ha spiegato Draghi

"Dobbiamo agire - aggiunge- per accrescere il peso dell’Europa in ambito tecnologico. Per riuscirci, non si può che partire dal capitale umano, dalle competenze, dall’istruzione, per arrivare ad ambiti come la digitalizzazione e l’intelligenza artificiale".

Ue, Draghi: "Sia vera Unione, con politica estera e di difesa comune"

"Il modello geopolitico sul quale l’Europa si è retta dalla fine della seconda guerra mondiale – sostegno dagli Stati Uniti per la difesa, esportazioni dirette principalmente in Cina, approvvigionamenti di energia a poco prezzo dalla Russia – non esiste più. Per poter esprimere una visione politica unica e potente nel mondo di oggi, l’Europa ha bisogno di molta, molta più integrazione", continua l'ex premier.

Per Draghi "occorre razionalizzare le spese per la difesa, diventando anche in questo campo una vera unione anziché un gruppo di paesi in competizione tra loro. E occorre agire insieme nel campo dell’energia: partire da infrastrutture e reti, per arrivare a una politica di stoccaggio e magari di acquisto comune, accelerando al contempo sul fronte delle rinnovabili e di altre forme di energia".

"O l’Europa agisce insieme diventando un’Unione più profonda, capace di esprimere una politica estera – oltre che economica – e una politica di difesa comune, oppure - conclude - non sopravvivrà se non come mercato unico".

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.