A- A+
MediaTech
Elon Musk lancia i chip nel cervello per dare "nuova vita" ai disabili
Elon Musk

Neuralink, Musk annuncia i test per il primo chip dentro un cervello umano entro sei mesi. Si potrà comunicare con il pensiero

Sembra un film di fantascienza, ma è la realtà. Quel genio, miliardario, playboy e filantropo di Elon Musk, padrone di Tesla e di Twitter, sta per lanciare il primo chip innestato dentro un cervello umano. Sì, avete capito bene. Si tratta di un microchip installato direttamente all’interno (o all’esterno, ancora non è dato sapere) del nostro cervello e che ci consentirebbe di interagire con specifici device elettronici con il pensiero.

E no, questa volta non si tratta di quel tipo di notizia sensazionalistica che, nella realtà dei fatti, si concretizzerà dopo anni e anni quando tutti se ne saranno già dimenticati. Infatti, Musk prevede e annuncia che tutto ciò sarà già possibile entro sei mesi.

Detta così, per quanto un’invenzione che permetta di comunicare con il solo pensiero sia quel tipo di scoperta potenzialmente capace di rivoluzionare il genere umano, la vera domanda rimane comunque una sola: a cosa servirà davvero? L’obbiettivo, come spiegato dallo stesso Elon Musk, è quello di sviluppare un sistema che possa aiutare i disabili a comunicare direttamente con un device esterno attraverso il pensiero. Ma non è tutto. Si parla anche di dispositivi in grado di "ripristinare" le funzioni motorie.

Comunque, il miliardario sudafricano avrebbe addirittura già consegnato tutti i documenti del caso all’ente governativo statunitense che si occupa di regolamentare i nuovi alimenti e farmaci da introdurre sul mercato (Fda).

“Siamo ormai fiduciosi che l'apparecchio di Neuralink (la sua startup che si occupa del progetto, ndr) sia pronto per gli esseri umani. Il calendario dipende dal processo di approvazione della Fda", ha precisato Musk su Twitter.

"Evidentemente", ha messo le mani avanti il miliardario sudafricano presentando il progetto, "vogliamo essere molto prudenti e sicurissimi che funzionerà bene, ma pensiamo che entro sei mesi saremo in grado di avere il nostro primo impianto in un essere umano".

A luglio 2019, il patron di Tesla aveva annunciato che sarebbe stato pronto a partire con i test sugli umani entro il 2020. Finora però il chip, delle dimensioni di una moneta, è stato impiantato soltanto sugli animali. Alcune scimmie sono così riuscite a comunicare con i computer soltanto attraverso il movimento degli occhi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chipdisabilielon musk





in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.