A- A+
MediaTech
Il governo chiude Itsart, la “Netflix italiana” voluta da Franeschini

Itsart messa in liquidazione dal governo

La piattaforma Itsart è stata messa in liquidazione dal governo lo scorso 29 dicembre. Doveva essere la “Netflix della cultura italiana”, così la definì l’allora ministro della Cultura Dario Franceschini.

La notizia è arrivata solo con il nuovo anno. Il titolare del dicastero della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha deciso di non finanziare più il progetto.

"Bene ha fatto il governo Meloni a mettere in liquidazione l’Itsart. Il progetto fallimentare voluto da Franceschini è stato da sempre denunciato da FDI con numerosi atti sottolineando - come giá fece il CDA Rai con Rossi e Salini che negò l'inclusione della Rai - come rappresentasse un progetto di business superato, rispetto il potenziamento di RaiPlay sul modello inglese della BBC o pubblico-privato francese, aggregando le produzioni nazionali su un'unica piattaforma in grado di competere con gli over-the-top. Eravamo l'unica

Iscriviti alla newsletter
Tags:
franeschiniitsart





in evidenza
Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

Guarda il video

Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.