A- A+
MediaTech
"L'intelligenza artificiale è pericolosa": il "padrino" dell'AI lascia Google
Geoffrey Hinton

Il padrino dell'IA lascia Google: "Ci sono grossi pericoli, dobbiamo preoccuparcene"

Geoffrey Hinton, considerato il padre dell'intelligenza artificiale, ha lasciato Google per poter parlare liberamente dei rischi dell'IA. "Me ne sono andato per poter parlare dei suoi pericoli", ha scritto in un tweet dopo che il New York Times ne ha dato la notizia, aggiungendo: "Google ha agito in modo molto responsabile".

Lo psicologo cognitivo e scienziato informatico britannico-canadese, oggi 75enne, ha lavorato per anni sulle reti neurali per modellare i sistemi di IA che alimentano molti dei prodotti odierni. "In questo momento, non sono più intelligenti di noi, per quanto ne so. Ma penso che presto potrebbero esserlo", ha spiegato Hinton.

Sebbene abbia lavorato part-time presso Google per un decennio sugli sforzi per lo sviluppo dell'IA del gigante tecnologico, ha iniziato a nutrire preoccupazioni per la tecnologia e il suo ruolo nel farla progredire. "Mi consolo con la solita scusa: se non l'avessi fatto io, l'avrebbe fatto qualcun altro", ha detto Hinton al New York Times.

Lo scienziato informatico ha inoltre dichiarato che il chatbot potrebbe presto superare il livello di informazioni di un cervello umano. "In questo momento, quello che stiamo vedendo è che cose come GPT-4 oscurano una persona nella quantità di conoscenza generale che ha, e la oscura di gran lunga. In termini di ragionamento non è così buono, ma fa già un semplice ragionamento. E dato il ritmo dei progressi, ci aspettiamo che le cose migliorino abbastanza velocemente. Quindi dobbiamo preoccuparcene", ha concluso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aigeoffrey hintongoogleintelligenza artificiale





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.