A- A+
MediaTech
A lezione di dieta mediterranea

Il sapere scientifico sul modello alimentare della Dieta Mediterranea nel suo insieme, con tutti i suoi effetti benefici per la salute umana, per la prima volta sarà al centro di corsi teorico-pratici di cucina dedicati a futuri chef ed appassionati di cucina di qualità. E’ questa l’importanza dei due protocolli d’intesa firmati dall’Accademia MedEATerranea con il Dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia dell'università di Siena e con il Dipartimento di  Medicina clinica, Sanità pubblica, Scienze della Vita e dell'Ambiente dell'Università dell'Aquila.

Due protocolli che, di fatto, fanno della Campania un modello per gli studi sulla gastronomia. “E’ un approccio innovativo in quanto è multidisciplinare”, afferma Antonio Giordano, oncologo presso lo Sbarro Institute di Philadelphia e direttore scientifico dell’Accademia. “Vede infatti insieme una serie di professionisti esperti con i quali ci consente di affrontare l’argomento relativo alla Dieta Mediterranea nella sua interezza scientifica. Ci saranno infatti esperti di gastronomia, farmacologi, neurologi ed oncologi. Qui creeremo dei veri e propri protocolli nutrizionali, non ci limiteremo più a dire che mangiare secondo i dettami della Dieta Mediterranea fa bene alla salute, ma spiegheremo perché l’utilizzo di alcuni ingredienti, associati tra loro, aiuti a proteggere l’organismo da patologie importanti. Per questo è un programma unico nel suo genere”. Per il presidente dell’Accademia, Massimiliano Quintiliani è importante sia valutare il ruolo che l’associazione tra singoli alimenti/nutrienti, come quelli che sono alla base della Dieta Mediterranea, ha sullo sviluppo di malattie croniche sia la concreta applicazione in cucina.

“Spiegare perché utilizzare pomodorino corbarino e olio extravergine di oliva non è solo una questione di giusti​ abbinamenti di gusto ma anche di benessere, è un nuovo modo di divulgare il sapere scientifico. Grazie a questi corsi puntiamo ad   implementare nei ristoranti e in cucina menù della salute suffragati da un sapere scientifico oltre che gastronomico. Partiamo -prosegue Quintiliani-  dalle proprietà antiossidanti ed anticancro del pomodoro Corbarino e San Marzano, evidenziate di recente da numerosi studi scientifici, secondo cui, in particolare, l’estratto totale di pomodoro potenzialmente inibisce la crescita delle cellule di cancro dello stomaco e le tipiche caratteristiche neoplastiche, aprendo la strada per studi futuri atti ad implementare le abitudini di vita,  non  solo per la prevenzione, ma potenzialmente anche per il supporto alle tradizionali terapie”. In collaborazione con le università di Siena, Napoli, L’Aquila, il Polo scientifico Giovan Giacomo Giordano, l’Usr Lombardia e Scuola impresa Milano, l’Accademia svolge attività di ricerca internazionale, comunicazione, divulgazione scientifica ed attività di formazione specifica ed avanzata in materia di sicurezza alimentare, analisi chimica, biodiversità e ambiente.

Eduardo Cagnazzi

Tags:
dieta mediterraneaaccademia medeaterranea
Loading...
in evidenza
Lato A e B: Raffaella, che bikini Il doppio punto di vista della Fico

Wanda, giungla bollente. Foto

Lato A e B: Raffaella, che bikini
Il doppio punto di vista della Fico

i più visti
in vetrina
Meteo, quando fresco e temporali? Al Nord presto, ma al Centro-Sud...

Meteo, quando fresco e temporali? Al Nord presto, ma al Centro-Sud...


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.