A- A+
MediaTech
Mondadori France, giornalisti in piazza contro la cessione a Reworld Media

Un mese e mezzo dopo la prima protesta, quasi 250 dipendenti di Mondadori France (Scienza e Vita, Grazia, Closer, Dr Good, TV Star...) sono scesi in piazza ieri mattina davanti al Palais Royal di Parigi, il ministero della Cultura, per ribadire  la propria ferma opposizione alla cessione della controllata francese del gruppo italiano Mondadori al gruppo Reworld Media che, secondo un comunicato stampa, è in fase di “completamento”.

Se la folla era un po meno numerosa di metà ottobre, la preoccupazione rimane tra giornalisti, dirigenti e dipendenti del gruppo di stampa. "Pascal Chevalier (presidente di Reworld Media) ha dichiarato la scorsa settimana a Europa 1 che i dipendenti di Mondadori France sono stati rassicurati. Non è vero! Mondadori non li vuole! ", hanno spiegato i sindacati. "Non è successo nulla dalla nostra prima protesta, ma il tempo sta per scadere! Le autorità devono davvero fare i conti con l'argomento. Se i titoli di Mondadori scompariranno, si colpirà duramente l'intero settore: i venditori di giornali, le stampanti, i router ... "

La casa madre di Mondadori France vuole concentrarsi nuovamente sull'editoria in Italia. Alla fine di settembre, ha annunciato di aver avviato trattative esclusive con Reworld Media per vendere le sue attività francesi, che rappresentano 700 contratti a tempo indeterminato e danno lavoro a 400 freelance. Il buy-out dovrebbe essere completato entro l'inizio del 2019.  Il sindacato vuole negoziare una piattaforma che garantisca la sostenibilità dei posti di lavoro e dei titoli presi da Reworld, perché il modello di business del gruppo, creato nel 2012,  preoccupa molto i dipendenti.

"Reworld Media ha solo 14 giornalisti con la carta stampa". Dal 2013, Reworld Media ha acquistato diverse riviste in difficoltà da Lagardère Active, il gruppo Marie-Claire e Axel Springer France. Da allora, alcuni titoli hanno cessato la pubblicazione (Be, Pariscope). Soprattutto, le redazioni sono state svuotate dai loro giornalisti, sostituite da "content manager" sul web e agenzie specializzate. Anche il confine tra l'editoriale e la pubblicità è diventato molto sfocato, a volte i gestori di contenuti sono stati portati a scrivere pubblicità.

Ad essere particolarmente preoccupata è la redazione di Scienza e vita. "Ci sarà permesso, su Reworld Media, di scrivere della dubbia efficacia di tale farmaco o della nocività di un tale pesticida, se di proprietà di un inserzionista?", spiegano. Lo staff editoriale della rivista ha ricevuto il sostegno di molte personalità della comunità scientifica, tra cui il Premio Nobel per la fisica francese Albert Fert. Giornalisti di altri uffici editoriali affermano che non andranno a Reworld in tali condizioni. Già, i dirigenti di Mondadori France hanno cominciato a dare le dimissioni per unirsi ad altre società.

Commenti
    Tags:
    mondadori francescience&viemondadori
    in evidenza
    Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

    La riconciliazione

    Fedez e J-Ax, pace fatta
    "Un regalo per Milano e..."

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

    Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.