A- A+
MediaTech
WhatsApp, il buono sconto di Zara è una truffa
Whatsapp, il buono sconto è una truffa

WhatsApp nasconde una trappola. È travestita da buono sconto di Zara. Un'offerta allettante, che propone di rispondere a un sondaggio in cambio di un buono sconto da 150 euro. In realtà si tratta d i una truffa. Tra domande e quiz, l'obiettivo ultimo è quello di essere dirottati verso un sito di gossip che nasconde abbonamenti a pagamento. C'è il rischio, quindi, di sborsare soldi (prelevati dal proprio credito telefonico) senza neppure accorgersene, non prima di aver diffuso ai propri contatti il finto buono sconto, in modo da diffondere la catena. Evitare la truffa è semplice: ogni buono sconto di Zara che arriva su WhatsApp è finto. E per fermare la catena sarebbe meglio diffondere questa notizia e non la promozione bufala.

Non è la prima volta che la truffa viaggia via social sfruttando l'appetibilità dei buoni sconto. C'era stato un caso su Instagram nel 2014. E poi su Facebook che, promettendo 500 euro in regalo, traghettava verso siti truffa. Sono circolati anche messaggi che svendevano iPhone. E sconti da 50 euro su H&M. Anche quella era una truffa. Stesso metodo, nuovo strumento: WhatsApp.

Tags:
truffa su whatsappsconto zara whatsappwhatsapptruffe socialzara buono sconto 150 euro
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.