A- A+
Medicina
Alzheimer, guardare troppo la tv (ed i social network) fa male
Kristine Yaffe, Professore di Psichiatria, Neurologia, ed Epidemiologia, University oF California, San Francisco, e Tina Hoang, sulla destra

di Paola Serristori

Venticinque anni di vita sedentaria e tv accesa sono sufficienti a procurare un deficit cognitivo già alla mezza età (55 anni). Non ci sono ancora, per ovvie ragioni, dati scientifici sugli effetti della prolungata consultazione degli schermi dei computer o dei cellulari su cui scorrono le immagini dei social network, ma gli scienziati prevedono che la sedentarietà provocherà analoghi problemi alle giovani generazioni di oggi nel corso dell'invecchiamento. Quest'anno ad Alzheimer’s Association International Conference 2015 (AAIC 2015) i riflettori sono stati puntati anche sui risultati di uno studio illustrato da Tina Hoang, Northern California Institute of Research and Education (NCIRE), San Francisco, che fa parte del team di ricercatori guidato da Kristina Yaffe, University of California, uno degli scienziati più impegnati negli studi sugli effetti di comportamenti e stile di vita nella successiva comparsa di demenza.

L'attività fisica migliora l'ossigenazione dell'organismo, e dunque del cervello, così che si raccomanda agli anziani di mantenersi in esercizio, ma in questo specifico caso la brutta notizia è che dopo un lungo periodo di sedentarietà in assenza di stimoli per l'attività cognitiva - come la visione di troppa tv – i problemi cominciano prima. I ricercatori hanno indagato sia sull'attività fisica, fissando come soglia minima il consumo di 300 calorie per ora e tre volte alla settimana, sia sul tempo di permanenza davanti allo schermo della tv: più di quattro ore al giorno è considerato troppo. Un terzo dei volontari presi in esame (3200 adulti, tra i 18 e 30 anni), che avevano partecipato a “Coronary Artery Risk Development in Young Adults” (CARDIA), studio sui rischi cardiaci conseguenti a scarso di apporto di ossigeno, praticavano poca attività fisica o guardavano molta tv. Venticinque anni dopo l'inizio del programma di ricerca sono stati valutati sulla memoria, capacità di eseguire funzioni, e velocità di elaborazione. E' emerso che costoro avevano risultati peggiori in queste abilità e chi aveva sommato i due comportamenti aveva doppiamente compromesso le abilità cognitive. Lo studio proseguirà e, come ha sottolineato lo scienziato Yaffe, “sarà interessante vedere che cosa succederà nel corso degli anni, se i partecipanti che all'inizio dell'invecchiamento avevano già uno stile di vita sedentario e punteggi più bassi nella velocità di elaborazione e memoria svilupperanno demenza o Alzheimer. E questo sempre per ribadire che possiamo fare qualcosa per salvare il cervello: ci sono comportamenti modificabili”.

Tags:
alzheimertvsocial network
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.