A- A+
Medicina
Cancro colonrettale: Paolo Cevoli testimonial della campagna FISMAD

A Natale regalati la prevenzione: con un semplice test puoi prevenire il cancro colorettale, perché, come dice Paolo Cevoli, restare in salute “non è questione di culo”

La prevenzione del cancro colonrettale è importante, soprattutto se basta un semplice test.. Perché restare in salute “Non è questione di culo”, come recita con uno slogan che certamente cattura l'attenzione la campagna di sensibilizzazione nazionale promossa da FISMAD – Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente - per la prevenzione del cancro colorettale.

“A Natale non fate i patacca… fate il test!”, raccomanda il comico Paolo Cevoli, testimonial d’eccezione della campagna.

“Robuste evidenze scientifiche hanno dimostrato che lo screening per cancro colorettale riduce del 20% il numero di nuovi casi e la mortalità per questo tumore del 30%”, spiega Elisabetta Buscarini, Presidente FISMAD e Direttore UOC Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Ospedale Maggiore di Crema. “Eppure in Italia l’adesione rimane stabile su valori di poco superiori al 40%”.

Il test per la prevenzione del cancro colorettale  è ancora poco noto al grande pubblico e troppo spesso la prevenzione del cancro colorettale viene associata alla colonscopia. Ecco perché l’obiettivo della comunicazione è soprattutto quello di fare chiarezza sulla modalità di screening del cancro colorettale: un semplice test che rileva la presenza di sangue occulto nelle feci.

Il percorso dello screening organizzato, offerto gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale, prevede l’invito, a partire dai 50 anni di età, ad eseguire ogni due anni questo tipo di analisi, che non ha significato diagnostico, ma è un indizio per identificare la presenza di cancro colorettale e dei polipi intestinali, che si possono asportare per impedirne la possibile trasformazione in tumore maligno.

Come eseguire il test?

Basterà utilizzare l’apposita provetta, disponibile in farmacia, per raccogliere un campione di feci. L’analisi in laboratorio verrà effettuata in pochi giorni.  Solo nel caso in cui vengano rinvenute tracce di sangue nelle feci, sarà necessario un ulteriore accertamento, la colonscopia.

Numerose le Istituzioni, Aziende, Federazioni, Istituti di ricerca oncologica che sostengono la campagna (https://fismad.it/sponsor-prevenzione). Fra i partner d’eccezione le associazioni in rappresentanza della voce dei cittadini, Cittadinanza Attiva (www.cittadinanzattiva.it), movimento di partecipazione civica che opera in Italia e in Europa per la promozione e la tutela dei diritti dei cittadini; Lilt (www.lilt.it), Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, ed EuropaColon (https://www.europacolon.it), Associazione impegnata nel supporto, orientamento e assistenza sociale ai malati di cancro al colon.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cancro colonrettalepaolo cevolicampagna fismad “non è questione di culo”
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4

    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.