A- A+
Medicina
Cancro, un milione di casi non diagnosticati in Europa per colpa del Covid
Il cancro al colon-retto è la seconda forma di tumore più frequente in Italia

Un milione di casi di cancro potenzialmente non diagnosticati, 100 milioni di test di screening non eseguiti, 1 persona su 2 con potenziali sintomi di cancro non inviata alla diagnosi, 1 malato di cancro su 5 ancora senza il trattamento chirurgico o chemioterapico necessario: questi i numeri dell’impatto del Covid-19 sul cancro in Europa, secondo lo studio appena pubblicato dalla European Cancer Organisation (ECO).

Sulla base di questi dati ECO lancia in questi giorni Time to Act, una campagna europea per sollecitare l’opinione pubblica, i pazienti oncologici e gli operatori sanitari a impegnarsi, ognuno nel suo ambito, per garantire che il Covid non continui a minare la lotta contro il cancro. L’Istituto Europeo di Oncologia partecipa attivamente all’iniziativa.

“Re-immaginare i servizi oncologici, ricostruirli meglio ed in maniera più intelligente è uno dei 7 punti del piano d’azione di Time to Act su cui IEO si è particolarmente concentrato – dichiara Roberto Orecchia,  Direttore Scientifico IEO- L ’esempio tipico è il potenziamento delle televisite, ove possibile,  o la ristrutturazione  degli spazi interni ed esterni dell’ospedale, che ha ampliato le aree di attesa a disposizione di pazienti e accompagnatori , raddoppiando gli spazi per garantire il distanziamento sociale.  O ancora la gestione accurata e puntuale delle vaccinazioni sia al personale IEO che ai pazienti, un’attività fondamentale e destinata a protrarsi nel tempo. E soprattutto l’aggiornamento costante delle tecnologie per ottenere la massima rapidità e precisione sia nella diagnosi che nelle terapie.  Lo sviluppo in quest’area è stato ed è trasversale a tutte le aree: dalla diagnostica, potenziata con nuove TAC e TAC-PET, ad una nuova Anatomia Patologica, alla Ricerca, dove sono state create nuove infrastrutture riconvertendo alcuni laboratori agli studi Covid, fino alla terapia, che presto si avvarrà di un vaccino terapeutico contro i linfomi follicolari, delle terapie cellulari con CAR-T e, entro due anni, dei protoni.”

“Bisogna contrastare la sensazione dei pazienti oncologici di essere stati dimenticati e messi da parte durante la pandemia con un’offerta di presa in carico ancora migliore del periodo pre-covid. In realtà gli ambulatori sono stati chiusi poche settimane e comunque le terapie non procrastinabili sono state sempre garantite in sicurezza.  Ma la comprensibile paura del contagio, legata alla fragilità del malato di cancro, ha tenuto lontani i pazienti dagli ospedali   per molti mesi, e ancora oggi molti tendono a rimandare gli screening e la diagnosi precoce. È fondamentale aiutare la popolazione a superare queste paure se vogliamo impedire che il Covid metta un freno alla lotta contro il cancro “conclude Orecchia.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cancrocovidieoeuropa
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

    Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.