A- A+
Medicina
Coronavirus, gli anticorpi del lama neutralizzano la SARS-COV-2

Dai lama minuscoli alleati contro il virus di Covid-19. Due nano-corpi-varianti piccoli e stabili degli anticorpi - derivati ​​appunto dai lama, possono neutralizzare Sars-CoV-2 in coltura cellulare, bloccando la sua interazione con il recettore Ace2 umano e dunque impedendo l'ingresso del virus nelle cellule.

Lo studio è descritto su 'Natural Structural&Molecular Biology' dal team di James Naismith del britannico Rosalind Franklin Institute.

L'immunizzazione passiva, che comporta la somministrazione di agenti neutralizzanti - plasma di soggetti guariti o anticorpi purificati - potrebbe rappresentare un approccio utile contro Covid-19. Gli anticorpi contro il precedente coronavirus Sars-CoV-1 possono neutralizzare il virus bloccando il legame della proteina Spike con il recettore Ace2, ma molti non reagiscono in modo incrociato con Sars-CoV-2.

Gli anticorpi umani, come quelli della maggior parte dei mammiferi, hanno due catene (pesante e leggera), ma i camelidi, come i lama, possiedono anche un'ulteriore variante di anticorpi a catena pesante, nota come nano-corpi. I nano-corpi sono piccoli, stabili e facili da produrre, quindi spesso fungono da alternativa agli anticorpi convenzionali in diagnostica e imaging.

Questi nano-corpi sono attualmente in fase di sviluppo contro Sars-CoV-2 come strumenti di ricerca, ma anche potenziali terapie. Il team di James Naismith e Raymond Owens descrive l'identificazione e la caratterizzazione di due nano-corpi strettamente correlati (H11-H4 e H11-D4) che possono bloccare l'attacco della proteina Spike in coltura cellulare. 

Coronavirus, gli anticorpi del lama neutralizzano la SARS-COV-2

I nano-corpi colpiscono una regione della proteina immediatamente adiacente e leggermente sovrapposta alla regione di legame Ace2. Entrambi i nano-corpi dei lama hanno dimostrato di neutralizzare virus Sars-CoV-2 vivo, ma H11-H4 mostra "una potenza particolarmente elevata e una neutralizzazione" aggiuntiva.

Gli autori suggeriscono che i nano-corpi possono trovare applicazione da soli o in combinazione con altri anticorpi per l'immunizzazione passiva di pazienti con Covid-19 grave. Poiché si tratta di anticorpi derivati ​​dai camelidi, è probabile che generino solo basse risposte immunitarie negli esseri umani; tuttavia, sono disponibili strategie di umanizzazione già ben sviluppate, concludono gli autori
 

Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus studiosars-cov-2coronavirus anticorpianticorpi del lamalotta al coronaviruslo studio di rosalind franklin institutejames naismithrosalind franklin institute
    in evidenza
    Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

    La nuova fiamma - FOTO

    Noemi-Totti, le voci di un bebè
    Misteriosa trasferta in yacht

    
    in vetrina
    Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic

    Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic


    casa, immobiliare
    motori
    Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile

    Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.