A- A+
Medicina
Desiderio sessuale, calo enorme durante la pandemia: quando migliorerà e come

Desiderio sessuale, calo enorme durante la pandemia: quando migliorerà e come

Il Covid ed il lockdown che ne è conseguito hanno completamente cambiato le abitudini di vita delle persone. Ne hanno risentito anche le relazioni intime. I primi blocchi legati alla pandemia hanno offerto una tregua anche molto apprezzata da alcuni. L’obbligo di stare chiusi in casa ha consentito a numerose coppie di trascorrere più tempo insieme, senza tralasciare l’intimità. Successivamente tuttavia qualcosa è cambiato.

"Inizialmente, la pandemia ha dato alle persone l'opportunità di ... riconnettersi in un modo che forse in precedenza erano in grado di fare solo in vacanza", spiega Emily Jamea, terapista sessuale con sede a Houston, in Texas. “Mentre la pandemia si protraeva, tuttavia, ha iniziato a "pesare" sulle relazioni intime. Per la maggior parte delle coppie – ha dunque affermato l’esperta - il desiderio sessuale ha preso una picchiata".

Le relazioni intime hanno iniziato a diminuire. Quanto durerà questo danno potrebbe durare a lungo.

Declino del sesso nel periodo del Covid: troppo stress

Sulle relazioni intime durante la pandemia sono stati condotti studi in tutto il mondo, dalla Turchia all’Italia, all’India agli Stati Uniti. Tutti sono giunti alla stessa conclusione. Il declino del sesso nel 2020 sarebbe attribuito al fatto che “così tante persone erano semplicemente troppo stressate", come spiega Justin Lehmiller, psicologo sociale e ricercatore presso il Kinsey Institute.

I blocchi causati dalla pandemia hanno anche creato molte incertezze e soprattutto paura. Molte persone hanno sviluppato ansie mai avute relative alla salute e alle finanze. Lo stress causato da questi fattori, aggiunto alle problematiche conseguenti al tempo trascorso con un'altra persona in uno spazio ristretto e al chiuso, ha contribuito al notevole declino della vita sessuale delle persone in coppia.

Il Covid-19 si è dimostrato tossico per la sessualità. Le relazioni intime si riprenderanno quando lo stress pandemico si sarà esaurito? Oppure il declino è permanente?

Molte coppie hanno goduto di una breve spinta nella loro vita sessuale all'inizio dei blocchi, ha spiegato Jamea. Secondo Rhonda Balzarini, psicologa sociale e assistente professore alla Texas State University, USA, questo picco iniziale nel desiderio sessuale sarebbe stato come una "luna di miele”. Nella prima parte della pandemia, le persone avrebbero reagito in modo costruttivo allo stress.

“Durante questa fase, le persone tendono a lavorare insieme. Potrebbe essere quando vai a casa dei tuoi vicini e gli dai la carta igienica sulla soglia quando ne hanno bisogno ", afferma Balzarini. "Ma poi nel tempo – continua - man mano che le risorse diventano più scarse, le persone diventano più stressate e l'energia svanisce, la disillusione e la depressione tendono a insorgere. Quando ciò inizia a succedere è quando potremmo iniziare a vedere le coppie mettersi nei guai".

Balzarini ha osservato tutto questo analizzando i dati di uno studio a cui hanno partecipato persone di età pari o superiore a 18 anni, provenienti da 57 paesi. All'inizio della pandemia, nonostante la preoccupazione finanziaria, il desiderio sessuale tra i partner sarebbe aumentato. Col passare del tempo però lo stress legato al blocco è aumentato. Il desiderio sessuale è così diminuito.

La conclusione a cui è giunto lo studio è il forte legame fra stress, depressione e desiderio sessuale. Lo stress è correlato alla depressione e "la depressione influisce negativamente sul desiderio sessuale”.

Oltre ai fattori di stress quotidiani causati dalla pandemia, non è da sottovalutare la paura rappresentata dalla minaccia del virus. I tassi di morte e di ospedalizzazione aumentavano in tutto il mondo. Questo pericolo inizialmente sempre presente ha contribuito ad appiattire l'umore delle coppie e di conseguenza le relazioni intime.

"Sentirai i terapisti del sesso dire qualcosa del tipo: "Due zebre non si accoppiano davanti a un leone "", afferma Jamea. "Se c'è una minaccia enorme proprio lì, questo invia un segnale al nostro corpo che probabilmente ora non è un buon momento per fare sesso." Per questo motivo, "l'accresciuto stress porta a un basso desiderio o difficoltà con l'eccitazione”.

Lehmiller descrive ciò che è accaduto durante la pandemia come "effetto di sovraesposizione", che fornisce opportunità per "piccole abitudini che il tuo partner ha per iniziare a darti sui nervi". Balzarini ha persino raccontato che alcuni partecipanti le dissero che non si erano mai resi conto di quanto masticassero rumorosamente i loro partner fino a quando non hanno iniziato a mangiare ogni singolo giorno insieme.

"Una delle chiavi per mantenere il desiderio in una relazione a lungo termine è avere un senso di mistero sul tuo partner e una certa distanza", spiega Lehmiller. "Quando vi vedete tutto il tempo ... il senso del mistero se ne va".

“Quando ci si vede tutto il tempo...il senso del mistero se ne va”, scrive Justin Lehmiller.

"È stato davvero, davvero difficile per molte donne", aggiunge Jamea. “[Le carriere] sono una parte così importante dell'identità e portiamo tutto ciò che siamo in camera da letto. Se non sappiamo chi siamo, all'improvviso, può sembrare che non ci sia niente da portare ".

Covid e problemi sessuali: come migliorare l’intimità di coppia

I ricercatori del Kinsey Institute hanno dato un consiglio specifico per migliorare la vita sessuale delle coppie: dare una scossa al rapporto. Un partecipante allo studio su cinque ha infatti provato qualcosa di nuovo a letto e questo ha aiutato a riaccendere il desiderio. L'intimità è di conseguenza migliorata.

"Le persone che hanno provato cose nuove erano molto più propense a segnalare miglioramenti", afferma Lehmiller. Le nuove attività che hanno consentito di migliorare la vita sessuale delle coppie consistevano in "nuove posizioni”, nel farsi trasportare dalle fantasie e fare massaggi".

Alcune coppie non sono però riuscite a migliorare la loro intimità. Il danno sarà permanente?

Alcuni potrebbero non riprendersi "perché avevano una ... mancanza di connessione prolungata", spiega Lehmiller. Secondo lo studio, alcune persone hanno tradito i loro partner per la prima volta durante la pandemia.

Per molte coppie però c'è speranza. "Le persone stanno iniziando a ricadere nella loro vecchia routine", afferma Jamea. Il ritorno al lavoro ha effetti positivi sulle relazioni.

"È possibile che alcune di queste coppie, una volta che la pandemia sarà sotto controllo ... torneranno come prima - conclude Lehmiller - "Quel fattore di stress è ora rimosso e la loro vita sessuale migliorerà".

Commenti
    Tags:
    covidpandemiadesiderio sessuale
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Claudio Baglioni compie 70 anni I fan gli dedicano un murales

    Roma

    Claudio Baglioni compie 70 anni
    I fan gli dedicano un murales

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off

    L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.