A- A+
Medicina
Dieta flexitariana di Meghan Markle per salvare il mondo
LaPresse

Dieta flexitariana di Meghan Markle per salvare il mondo

Adottare la dieta flexitariana, dimezzare lo spreco alimentare e rivedere le modalità di attività agricola: questa la 'ricetta' degli scienziati per salvare il pianeta di fronte alla minaccia del cambiamento climatico e dare un futuro sostenibile per tutti nel 2050. In caso contrario, l'impatto dell'attuale sistema alimentare potrebbe aumentare fino al 90%, con conseguenze gravissime. 
 
Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature e ripreso sulla Bbc, sostiene che le tre soluzioni devono essere attuate insieme: "Sfamare una popolazione mondiale di 10 miliardi di persone è possibile, ma solo se cambiamo il modo in cui mangiamo, e produciamo il cibo", ha affermato Johan Rockstroem, direttore del Potsdam Institute for Climate Impact Research, tra gli autori del lavoro. 

"Tutte le misure combinate possono portare a mantenere in salute sia il pianeta che la popolazione", ha aggiunto. Il primo 'pilastro' riguarda la dieta: la scelta degli scienziati è ricaduta su quella 'flexitariana', la stessa adottata già da tempo da Meghan Markle, neo-sposa del principe Harry. 

DIETA FLEXITARIANA DI MEGHAN MARKLE: COS’È

La dieta flexitariana di Meghan Markle è una rivisitazione della dieta vegetariana, costituita quindi da una stragrande maggioranza di alimenti vegetali ma senza l'eliminazione totale di carne e pesce che vengono mantenuti in piccolissime quantità. 

Le diete salutari sono più d'una ma tutte con comune denominatore, cioè essere prevalentemente vegetariane e con un piccolo apporto di proteine animali, ha sottolineato Marco Springmann dell'Universita' di Oxford. Se il mondo passa a questo tipo di alimentazione, le emissioni di gas serra dall'agricoltura verranno ridotte di oltre la metà. 

DIETA FLEXITARIANA DI MEGHAN MARKLE: UNA SOLUZIONE ALL’EMERGENZA CLIMA

Ma non basta. Alla dieta flexitariana va aggiunto un profondo cambiamento dell’attività agricola, potenziando il raccolto dai terreni coltivati esistenti, migliorando la gestione delle risorse idriche e limitando i fertilizzanti. 

Si punta a "migliorare i campi agricoli, in particolare di colture più sensibili alla salute come frutta, verdura e legumi" ma anche ad "aumentare l'efficienza dell'uso delle acque e a un migliore monitoraggio e riciclaggio dei fertilizzanti, perché' molti di questi si perdono e finiscono nei fiumi e negli oceani", ha spiegato Springmann. Sarebbe opportuno inoltre dimezzare la quantità di cibo che finisce nella spazzatura, un cambiamento che ridurrebbe l'impatto ambientale dell'agricoltura del 16%. 

Per affrontare la lotta agli sprechi bisogna intervenire "sull'intera catena alimentare, stoccaggio, trasporto, imballaggi ed etichettatura dei prodotti alimentari fino ai cambiamenti nella legislazione e nei comportamenti commerciali", ha sottolineato Fabrice de Clerck, esponente di Eat Forum che ha finanziato lo studio.

Commenti
    Tags:
    dieta flexitariana di meghan markledieta di meghan markleemergenza climaconseguenze dei cambiamenti climatici
    in evidenza
    Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

    "E' il mio corpo, la mia scelta"

    Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

    Scatti d'Affari
    EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories


    casa, immobiliare
    motori
    Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

    Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.