A- A+
Medicina
Endometriosi, la malattia che fa soffrire 150 milioni di donne

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità sarebbero circa 150 milioni le donne in età fertile che soffrono di endometriosi. Di queste ben 14 milioni sono in Europa e 3 milioni nel nostro paese.

ENDOMETRIOSI. UN COSTO SOCIALE ALTO

I costi, a livello personale e sociale sono altissimi, soprattutto per quanto riguarda il rischio di infertilità e giornate di lavoro perse. Parliamo di qualcosa come 5 giornate al mese.
A livello europeo è stato calcolato che la spesa per congedi lavorativi a causa di questa patologia ammonti a circa 30 miliardi.
I costi per i trattamenti possono arrivare anche a tremila euro l'anno.

Detto questo parliamo di questa malattia, considerata cronica e invalidante, con il Prof. Ettore Cicinelli, direttore della Clinica Ostetrica e Ginecologica al Policlinico Aldo Moro di Bari. Uno dei luminari a livello europeo di questa patologia.

ENDOMETRIOSI. NE SOFFRONO TRE MILIONI DI DONNE IN ITALIA

Professore ci può spiegare  cos'è l'endometriosi?

'Semplicemente la presenza di tessuto di cellule endometriali al di fuori della cavità uterina , in altre zone del corpo femminile dove non dovrebbero essere, come nell'intestino, nella vagina, nelle tube , nel peritoneo o nelle ovaie.
Tutto questo è fonte di dolore sia fisico(pelvico cronico, ovarico intermestruale e durante l'evacuazione) che psicologico per le difficoltà che si riflettono pesantemente nei rapporti sociali  ed affettivi. Soprattutto nei rapporti di coppia.

Ultimo ma non ultimo vale la pena ricordare che l'endometriosi è la principale causa di sterilità conosciuta'.

ENDOMETRIOSI. PRINCIPALE CAUSA DI INFERTILITÀ

E quali le terapie?

' Molte delle risorse sanitarie vengono spese per cure con la chirurgia che spesso deve essere ripetuta più volte perché la malattia spesso è recidiva.
Queste operazioni replicate espongono le pazienti ad un rischio di menopausa anticipata , intorno ai 30/35 anni.
Molte volte un dramma proprio perchè la nostra società pensa a fare figli generalmente in quel range di età.

ENDOMETRIOSI. EVITARE L'INTERVENTO CHIRURGICO

Oggi cerchiamo di gestire le pazienti in maniera più responsabile evitando di portarle in sala operatoria. Le attuali terapie sono più efficaci per il controllo della sintomatologia e per bloccare la crescita. Come pure sono efficaci nel ridurre i rischi di recidiva'.

E quando si deve scegliere di intervenire chirurgicamente?

'In modo particolare quando c'è dolore e dove vi è un desiderio di gravidanza.
In questo caso, ma dipende dall'età, si possono usare le tecniche della riproduzione assistita evitando l'operazione.In ogni caso oggi possiamo contare su terapie solide ed efficaci in grado di rispondere ad un problema crescente nell'universo femminile. Un problema che ora si sta coniugando con l'inquinamento.
Purtroppo si riscontra sempre più che i fattori inquinanti aumentano il rischio di sviluppare questa patologia'.

E il progresso, in fatto di sviluppo di fattori inquinanti, non è certo carente di produttività, purtroppo.

Tags:
endometriosimalattia
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.