A- A+
Medicina
L’oncologia molecolare di precisione porta l’innovazione al letto del paziente

Oncologia molecolare di precisione: nuove terapie personalizzate cambiano le prospettive dei malati di tumore ma serve una riorganizzazione del sistema sanitario

Portare l’innovazione al letto del paziente. È questa la parola d’ordine del nuovo corso dell’oncologia ormai proiettata verso trattamenti di precisione, ritagliati “su misura” per ogni singolo paziente, che stanno cambiando le prospettive di curaper i malati di cancro. Una rivoluzione copernicana, caratterizzata da innovative metodiche di sequenziamento genico esteso e nuovi farmaciattivi su diversi bersagli molecolari, che necessita però di una profonda riorganizzazione clinica e gestionale del lavoro nelle corsie ospedaliere.

E’ il progetto Asufc-Sda Bocconi-Cipomo per garantire l’implementazione dei nuovi strumenti di valutazione professionale -tra i quali figura il Molecular Tumor Board (MTB), comitato interdisciplinare che vede schierati oncologi, patologi, biologi molecolari, farmacisti e genetisti- per assicurare accesso e appropriatezza delle cure per tutti i pazienti delle Strutture di Oncologia medica, senza distinzioni tra regione e regione.

Tra le molte azioni da mettere in campo, l’identificazione dei livelli di attività dei MTB assicurando la presenza di specifiche figure professionali. Inoltre, garantire laboratori dotati di tecnologie di sequenziamento multi-genico (NGS), identificati e certificati dalle Regioni, con standard di expertise legati a bacini diutenza e sottoposti a controlli di qualità nazionali ed internazionali.E ancora, identificare livelli di
appropriatezza nell’utilizzo del sequenziamento dei geni tumorali al fine di evitareeccessi di dati non fruibili (al di fuori della ricerca) e dagli alti costi che potrebbero non essere giustificati, assicurando inoltre una corretta conservazione e gestione dei dati prodotti daisequenziamenti e delle valutazioni effettuate dai MTB. Infine, definire le modalità per l’acquisizione di uno specifico consenso informato, aspetto delicato sul piano etico soprattutto quando si parla di analisi del materiale genetico.

A indicare le coordinate per portare l’innovazione al letto del paziente è il Progetto “Oncologia di Precisione”, realizzato dall’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale (ASUFC) in collaborazione con la SDA dell’Università Bocconi di Milano e con il Collegio dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (CIPOMO), presentato a Udine nel corso di un Workshop condiviso con l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), il Collegio Oncologi Medici Universitari (COMU) e la Società Italiana Anatomia Patologica e Citologia Diagnostica Divisione Italiana della International Academy of Pathology (SIAPEC) - partner istituzionale la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Un progetto -nato nel luglio del 2021dal confronto tra diverse aziende sanitarie, una ricognizione nazionale tra le oltre 150 Strutture di Oncologia afferenti a CIPOMO con la collaborazione di diversi panel professionali- dal quale sono emerse proposte operative che saranno sottoposte alla valutazione delle Società Scientifiche e delle Associazioni dei pazienti per essere presentate alla Conferenza delle Regioni.

Oncologia molecolare di precisione: "Serve una reale equità di accesso alle cure oncologiche innovative"

“L’innovazione non arriva automaticamente ai pazienti quando i risultati della ricerca vengono pubblicati
sulle riviste scientifiche”, spiega Gianpiero Fasola, direttore Dipartimento di Oncologia presso il Presidio Ospedaliero Universitario Santa Maria della Misericordia Asu Friuli Centrale. “Bisogna tenere conto delle ricadute organizzative e dei cambiamenti necessari nei sistemi per favorire un accesso omogeneo, appropriato e sostenibile alle nuove possibilità di cura del cancro. Questo può avvenire solo attraverso la cooperazione tra i professionisti, che assumono la responsabilità di governo clinico, e le Istituzioni, che si sforzano di affrontare tempestivamente le conseguenze che la veloce innovazione ha sul Servizio sanitario”.

Attualmente in Italia non esiste un modello strutturale di riferimento di MTB in ambito oncologico e non esistono modelli organizzativi che abbiano validato l’efficacia e la sostenibilità dell’implementazione dell’oncologia di precisione nella pratica clinica. A livello locale sono state adottate alcune Delibere regionali, che hanno prodotto differenti modelli organizzativi, e che non affrontano il tema delle modalità  di integrazione dell’attività dei MTB nei PDTA esistenti. Le proposte contenute nello Statement rappresentano quindi un solido punto di partenza.

“Sono fermamente convinto che l’incontro di Udine, su una tematica di grande attualità come l’oncologia di precisione, sia un evento quanto mai utile ed importante -afferma Luigi Cavanna, presidente CIPOMO -  riunire in un confronto tutte le società scientifiche interessate, istituzioni, associazioni di pazienti, oltre a decisori, credo possa permettere di costruire un futuro migliore per tanti malati oncologici. È di fondamentale importanza che le innovazioni, sia di tipo diagnostico che di tipo terapeutico, di dimostrata efficacia siano fruibili per tutti i malati di tumore, indipendentemente dalla Regione di residenza, o dalla sede di residenza, urbana, o rurale. Il Cipomo, collegio cui fanno capo tantissimi primari di oncologia, di ospedali diffusi su tutto il territorio nazionale è impegnato, proprio attraverso questa capillarità, a garantire una reale equità di accesso alle cure oncologiche innovative. Con il convegno di Udine si gettano quindi le basi per un miglioramento organizzativo, che permetta per tutti i malati di tumore, del nostro Paese, cure oncologiche innovative e personalizzate”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
medicinaoncologia molecolaresalutetumori




in evidenza
Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

Vota il sondaggio di Affari

Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO


in vetrina
Affari in rete

Affari in rete


motori
Camille Cros nominata Direttrice della Comunicazione della Marca Renault

Camille Cros nominata Direttrice della Comunicazione della Marca Renault

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.