A- A+
Medicina
Memoria: la pasta è uno dei primi ricordi dell’infanzia. La ricerca

La memoria della pasta è uno dei primi ricordi dell’infanzia


La memoria della pasta lascia un segno indelebile nel nostro imprinting gustativo e nell'ippocampo già alla tenera età di 4 anni. Per 9 italiani su 10, che rappresentano circa l’88% del campione preso in considerazione il primo ricordo di pasta risale a prima degli 8 anni, ma il 46% lo colloca addirittura prima dei 4 anni, proprio nel periodo in cui comincia a svilupparsi la memoria permanente. 

 

Aidepi, la memoria della pasta è legata alla sfera familiare


Una ricerca condotta da Doxa per l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiana ha preso in esame un campione di 1.000 italiani di età superiore ai 15 anni. Il 73% degli intervistati, ripensando al contesto della sua prima pasta, ricorda un momento di normale quotidianità in casa; il 16% evoca il pranzo della domenica, quando tutta la famiglia si trova riunita attorno al tavolo. Il primo ricordo della pasta, dunque, risale alla sfera familiare: dal piatto preparato dalla mamma o dalla nonna alla ricetta speciale del pranzo della domenica.

 

Memoria: pasta al pomodoro, prima ricordo per un italiano su due


Per un italiano su 2, circa il 49% del campione intervistato, il primo ricordo è dunque per la pasta al pomodoro; al secondo posto la pastina/minestra della sera che rappresentano il 18%, soprattutto tra i 15-24enni e gli over 65 residenti al Nord Est, e al terzo la lasagna/pasta ripiena della domenica, circa il 17% del campione, soprattutto al Nord Ovest. Il primato della pasta al pomodoro è meno schiacciante solo tra i millennials: per un under 25 su 4, la pasta dell'infanzia sono 'minestre e ricette tipiche regionali'. Tra le paste al sugo quella al ragù vince con il 31% delle preferenze, battendo di poco quella condita con il pomodoro (29%). La passione per queste due salse divide il Paese in modo netto: il ragù prevale al Nord e nel Centro Italia, mentre nel Sud la 'pummarola' sbaraglia ognib vversario. La pasta al pomodoro è la preferita degli over 65, mentre tra i più giovani, accanto al ragù, si registrano picchi di preferenzeper lasagne (soprattutto tra i 25 e i 40 anni) e carbonara (specialmente tra i millennials).

 

Perché mangiare la pasta rende più felici?


"La scienza ci ha spiegato che la pasta rende felici perché contiene triptofano e stimola la serotonina, cioè l'ormone della felicità - osserva Cristiano Laurenza, segretario dei pastai di Aidepi - Questa ricerca aggiunge che è anche il nostro cibo del cuore, una parte importante del nostro passato affettivo che costituisce la nostra identità oggi".

Commenti
    Tags:
    memoriamemoria della pastapasta al pomodoromangiare la pastaaidepi




    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.