A- A+
Medicina
Tumori, nuovo test diagnosi precoce prostata

Un nuovo test per individuare il tumore alla prostata gia' nella sua fase iniziale e permettere cosi' una cura piu' efficace della malattia. Lo ha messo a punto un team di ricerca tutto italiano, coordinato da Luca Prodi, docente al Dipartimento di Chimica "Giacomo Ciamician" dell'Universita' di Bologna. Lo studio - da poco pubblicato sulla rivista Faraday Discussion - illustra una strategia innovativa per sviluppare un sensore economico e altamente sensibile in grado di quantificare la sarcosina, una molecola che sarebbe indice della presenza di un cancro prostatico in corso di evoluzione. Il tumore della prostata - ricorda l'universita' bolognese - e' oggi il secondo tipo di cancro piu' comune per il genere maschile, con piu' di 250.000 decessi ogni anno.

La sua diagnosi precoce, quando il tumore e' ancora nello stadio iniziale, aumenta drasticamente il successo della terapia, portando ad una sua completa guarigione e diminuendo cosi' il livello di mortalita' tra i pazienti. Esiste gia' un test per individuare la patologia, basato sulla quantificazione dell'antigene prostatico specifico (Psa), ma ha come limite fondamentale quello di dare un elevato numero di falsi positivi. Alla base del nuovo strumento di indagine, invece, c'e' l'elettrochemiluminescenza (Ecl), tecnica da anni al centro dell'interesse del gruppo di ricerca coordinato da Francesco Paolucci, docente dell'Universita' di Bologna, e oggi principale metodologia di analisi clinica in commercio per la diagnosi precoce del cancro alla prostata. Lo studio del team di ricerca italiano sfrutta l'interazione di un recettore supramolecolare, sintetizzato e appositamente sviluppato dal team guidato dal prof. Enrico Dalcanale dell'Universita' di Parma, che permette di catturare la sarcosina in campioni di urine. Questa viene poi separata dalla matrice complessa delle urine e ne viene misurata la concentrazione tramite l'elettrochemiluminescenza. Il nuovo sensore e' stato testato, in collaborazione con l'Universita' di Verona, su campioni reali di pazienti affetti da cancro alla prostata e i risultati ottenuti sono incoraggianti. L'obiettivo ora e' sviluppare un test standardizzato e con tempi veloci di analisi che possa direttamente correlare la presenza della sarcosina nelle urine con i comuni marcatori per il cancro alla prostata. E il team di ricerca sta gia' pensando di estendere il suo approccio ad altre patologie come ad esempio il diabete.

Esiste gia' un test per individuare la patologia, basato sulla quantificazione dell'antigene prostatico specifico (Psa), ma ha come limite fondamentale quello di dare un elevato numero di falsi positivi. Alla base del nuovo strumento di indagine, invece, c'e' l'elettrochemiluminescenza (Ecl), tecnica da anni al centro dell'interesse del gruppo di ricerca coordinato da Francesco Paolucci, docente dell'Universita' di Bologna, e oggi principale metodologia di analisi clinica in commercio per la diagnosi precoce del cancro alla prostata. Lo studio del team di ricerca italiano sfrutta l'interazione di un recettore supramolecolare, sintetizzato e appositamente sviluppato dal team guidato dal prof. Enrico Dalcanale dell'Universita' di Parma, che permette di catturare la sarcosina in campioni di urine. Questa viene poi separata dalla matrice complessa delle urine e ne viene misurata la concentrazione tramite l'elettrochemiluminescenza. Il nuovo sensore e' stato testato, in collaborazione con l'Universita' di Verona, su campioni reali di pazienti affetti da cancro alla prostata e i risultati ottenuti sono incoraggianti. L'obiettivo ora e' sviluppare un test standardizzato e con tempi veloci di analisi che possa direttamente correlare la presenza della sarcosina nelle urine con i comuni marcatori per il cancro alla prostata. E il team di ricerca sta gia' pensando di estendere il suo approccio ad altre patologie come ad esempio il diabete.
   .

Tags:
tumoribolognanuovo testdiagnosiprecoceprostata
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.