A- A+
Milano
Aggressioni con acido, Martina in carcere anche al nono mese
Alexander Boettcher e Martina Levato

Martina Levato, la studentessa bocconiana accusata di alcune aggressioni con l'acido assieme al compagno Alexander Boettcher, deve rimanere in carcere, anche se e' al nono mese di gravidanza. La decisione e' stata presa dai giudici della nona sezione penale del Tibunale di Milano che l'hanno condannata a giugno a 14 anni di carcere. E' stata cosi' bocciata l'istanza presentata dal difensore della ragazza, l'avvocato Daniele Barelli che aveva invocato l'"incompatibilita'" del regime carcerario con la gravidanza. Il pm Marcello Musso aveva dato parere "assolutamente contrario" alla richiesta di scarcerazione e alla concessione dei domiciliari.

Per i giudici, cosi' come per il pm, la ragazza non puo' lasciare il carcere perche' c'e' il pericolo di reiterazione dei reati. Levato, condannata per l'aggressione del 28 dicembre scorso al 22enne Pietro Barbini, e' a processo con rito abbreviato per altre aggressioni con l'acido e per aver tentato di evirare un giovane. La sua difesa ha presentato un'istanza analoga di scarcerazione e domiciliari anche al gup Roberto Arnaldi, giudice del processo in abbreviato per lei e per Magnani che comincera' a settembre.

Tags:
martina levatoaggressioni con acidoalexander boettcher






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.