A- A+
Milano
Assicurazioni, inchiesta a Milano: contestati 500 milioni nascosti al Fisco

Assicurazioni, inchiesta a Milano: contestati 500 milioni nascosti al Fisco

La Procura di Milano indaga per riciclaggio la Lombard International Assurance, compagnia assicurativa lussemburghese del fondo americano Blackstone. L’inchiesta, secondo quanto riporta il Sole24Ore, ha preso il via da un accertamento della Guardia di Finanza, che contesta alla società un imponibile sottratto a tassazione per oltre 500 milioni di euro.

Ma la compagnia del gruppo Blackstone sarebbe solamente la prima di una lunga lista che conta un centinaio di compagnie assicurative alle quali potrebbero essere contestate l’evasione fiscale e il riciclaggio sullo schema già seguito per 220 banche estere.

L’indagine ha consentito al Settore contrasto illeciti dell’Agenzia delle Entrate di incassare oltre 300 milioni di euro da un centinaio di istituti con i quali è stato finora raggiunto un accordo.

Commenti
    Tags:
    assicurazioniinchiestamilanoriciclaggiofisco







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
    di Michela Carlo
    Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Le radici dell’Architettura
    di Mariangela Turchiarulo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.