A- A+
Milano
Assimpredil Ance compie 70anni. Gli auguri di Pisapia

Assimpredil Ance compie 70 anni e li festeggia realizzando un video che attraverso filmati e foto di cantieri di ieri e oggi racconta la storia delle imprese che hanno costruito le infrastrutture, le fabbriche, gli edifici, le case in cui vivono e lavorano i milanesi. “Assimpredil è  una grande protagonista della rinascita e dello sviluppo di Milano - ha dichiarato Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano -. Una Milano che oggi ha un volto nuovo e che guarda al futuro con maggiore fiducia nonostante i danni provocati dalla lunga crisi economica. Se oggi la nostra città viene indicata dal New York Times come la prima meta da visitare nel 2015 questo si deve certamente ad Expo ma anche alla capacità delle migliori imprese edili di valorizzare il territorio”.

“Il 70esimo anniversario di Assimpredil Ance è un traguardo significativo, rappresenta il segno della solidità e dell’importanza di un settore che dal dopoguerra in poi ha dato un contributo decisivo allo sviluppo e alla crescita della nostra città e del nostro Paese. Il settore edile ha tutte le carte in regola per rispondere con dinamismo e inventiva alle nuove sfide che ci vedono uniti nell’impegno per superare la crisi, per affrontare un nuovo modo di pensare lo sviluppo delle città”. Lo ha affermato il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, intervenendo al convegno ‘Assimpredil Ance 1945 – 2015. Costruttori di città. Settant’anni di storia. “Oggi è necessario sfruttare più che mai le opportunità che si aprono nel campo della riqualificazione del territorio e del recupero di aree dismesse, oltre che le occasioni legate alla green economy e alla ne cessità di puntare a un progressivo efficientamento energetico del patrimonio edilizio esistente. Le Istituzioni, d’altra parte, hanno il compito di aiutare il rilancio del settore rendendo più semplici e veloci i pagamenti alle imprese, come a Milano avviene; rendendo più chiare le procedure burocratiche e predisponendo piani urbanistici e di sviluppo del territorio coerenti e capaci di rispondere alle esigenze dei cittadini e delle imprese. Questo è quello che abbiamo fatto con il Pgt, il nuovo Regolamento edilizio, il Pums”. “Milano continuerà a sostenere l’impegno di Assimpredil Ance perché è un elemento positivo di crescita e di sviluppo e sono sicuro che continueremo a trovare le occasioni e gli ambiti per lavorare insieme nell’interesse del territorio”, ha concluso Pisapia.

Il crollo dell'occupazione tra le imprese del settore costruzioni "si e' piu' o meno arrestato, pero' abbiamo avuto una perdita mostruosa". A dirlo e' il presidente di Assimpredil Ance, Claudio De Albertis, a margine di un evento per i 70 anni dell'associazioni, svoltosi lunedì mattina alla Triennale di Milano. "Abbiamo perso il 30-35% della nostra forza lavoro - ha detto il presidente - che per noi significa perdere i gioielli, la vera ricchezza delle nostre imprese. Nel nostro settore ci sono tante piccole aziende e quando chiudono non fa notizia".

Tags:
assimpredil ancegiuliano pisapia






A2A
A2A
i blog di affari
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano
Frutta secca: benefici e quando mangiarla
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.