A- A+
Milano
Asso, il carabiniere Milia ricoverato in psichiatria e poi giudicato idoneo
Antonio Milia

Asso, il carabiniere Milia ricoverato in psichiatria e poi giudicato idoneo

Il Brigadiere Antonio Milia, che giovedì 27 ottobre ha ucciso il comandante della stazione dei carabinieri di Asso Doriano Furceri per poi asserragliarsi in caserma tutta notte, voleva essere reintegrato dopo essere stato sospeso. Ma il suo comandante si era opposto. Sposato e con tre figli, era stato ricoverato presso il reparto di psichiatria dell'Ospedale di San Fermo della Battaglia, in provincia di Como, per problemi di disagio psicologico e successivamente era stato dimesso e messo in convalescenza per diversi mesi. Giudicato idoneo al servizio da una Commissione Medico Ospedaliera, era rientrato in servizio da alcuni giorni me era attualmente in ferie, impostegli forzatamente proprio da Furceri.

Il comandante della stazione di Asso non voleva reintegrare Milia

 Il comandante non conveniva con il via libera dei medici: Milia era stato sospeso nel febbraio 2022, proprio in concomitanza con l'arrivo ad Asso di Furceri: il provvedimento era giunto dai vertici della Compagnia di Como a seguito dell'emergere di tendenze suicide del militare per - si dice - problemi con la moglie. Gli era stata tolta la pistola di ordinanza, che gli era stata riconsegnata solo poche settimane fa, come riferisce TgCom24.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assocarabiniericasermachi è antonio miliafurceri






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.