A- A+
Milano
Carabiniere spara e uccide il comandante: preso dopo 12 ore di assedio

Carabiniere spara e uccide il comandante e si barrica in caserma Asso

Un brigadiere dei Carabinieri ha sparato e ferito il comandante della stazione di Asso, in provincia di Como, dove entrambi erano in servizio. Il militare si è poi barricato all’interno. Il Brigadiere Antonio Milia, ha esploso alcuni colpi d'arma da fuoco, con la propria pistola d'ordinanza, contro il Comandante di Stazione Doriano Furceri nel tardo pomeriggio di giovedì 27 ottobre. Il corpo senza vita del comandante è stato trovato in caserma al termine del blitz per fermare l'aggressore. Si presume sia stato ucciso già nel pomeriggio di ieri. Ricoverato per problemi psichici e poi riammesso in servizio, era stato messo in ferie: il comandante Furceri si era opposto al suo reintegro e questa potrebbe essere stata la motivazione che ha portato Milia a commettere l'omicidio.

Blitz all'alba: l'aggressore catturato dopo dodici ore

Si è concluso con un blitz all'alba il lungo stallo della stazione dei carabinieri di Asso. Alle 5,40, dopo oltre dodici ore di assedio e di inutile negoziato, gli uomini dei reparti speciali hanno fatto irruzione e catturato Antonio Milia.

Nell'area operativa della Caserma non erano presenti altri Carabinieri, ma una donna militare era in una camerata e i familiari degli atri nel piano superiore, Tutti al sicuro.

Il brigadiere era stato ricoverato per problemi psichici

Il Brigadiere Milia, sposato e con tre figli, era stato ricoverato presso il reparto di psichiatria dell'Ospedale di San Fermo della Battaglia, in provincia di Como, per problemi di disagio psicologico e successivamente era stato dimesso e messo in convalescenza per diversi mesi. Giudicato idoneo al servizio da una Commissione Medico Ospedaliera, era rientrato in servizio da alcuni giorni ed attualmente era in ferie. 

Ferito anche un carabiniere

Secondo quanto riferisce Ansa, un carabiniere del Gruppo di Intervento Speciale (Gis) è rimasto ferito in modo non grave durante l'irruzione nella caserma. Il militare è stato colpito a un ginocchio da un colpo di pistola del brigadiere Antonio Milia, che ha sparato, prima di essere bloccato e disarmato, alla vista di un cane delle unità cinofile.

Fontana: "Asso, notizia triste e funesta"

"Un’altra triste e funesta notizia. È stato trovato morto il comandante dei Carabinieri della caserma di Asso ucciso da un collega a colpi di arma da fuoco. Alla famiglia e ai suoi cari il cordoglio e la più sentita vicinanza della  Regione Lombardia e di tutti i lombardi”. Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, dopo aver appreso la notizia della morte del comandante della caserma dei Carabinieri di Asso.

Moratti su Assago e Asso: "Chiesta una relazione sui due episodi"

 "Due gravi fatti di cronaca hanno sconvolto ieri sera la Lombardia ed il Paese, ad Assago e ad Asso. Esprimo dolore e sconcerto per le due vittime, Luis Fernando Ruggieri e il luogotenente Doriano Furceri, e per tutti i feriti, unitamente alla vicinanza alle loro famiglie". A dichiararlo è la vicepresidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti. "In attesa che gli inquirenti chiariscano i contorni delle due vicende, ho subito chiesto alla direzione generale Welfare di far predisporre due relazioni sugli episodi, con particolare riferimento all’assistenza psichiatrica e di presa in carico degli autori dei delitti", ha concluso Moratti.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assocarabinierecasermacomandantespara







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.