A- A+
Milano
Un pugno lo fa cadere, batte la testa e muore durante una rissa

Un pugno lo fa cadere, batte la testa e muore durante una rissa

Un tunisino di 33 anni e' stato fermato dai carabinieri per omicidio preterintenzionale: e' considerato responsabile della morte di un 49enne che durante una rissa ha battuto la testa ed e' poi morto. Il fermato e' irregolare sul territorio e con precedenti di polizia. Secondo la ricostruzione dei militari, il fermato ha dato un pugno al volto alla vittima, al culmine di una violenta lite che si e' verificata l'altro ieri in via Visconti, alle 18. La vittima e' morta ieri in ospedale in seguito delle gravissime lesioni conseguenti alle percosse subi'te e alla successiva caduta con impatto alla testa. Il 33enne e' stato portato al carcere di San Vittore in attesa dell'udienza di convalida. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    batte testa e muoremuore in rissa










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Milano Vapore: il 3 dicembre dibattito per il rilancio della Milano culturale
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Distanziamento, sui tempi i "professionisti dell'informazione" non rispondono
    Di Diego Fusaro
    Consorzio Cineas. Migliorare la mappatura dei rischi all’interno delle aziende
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.