A- A+
Milano
Brescia, presi i killer. Sono due stranieri: "Ci facevano concorrenza"

Hanno un nome ed un volto gli autori dal duplice delitto alla pizzeria 'Frank' di Brescia. Ad uccidere i coniugi Francesco Sarramondi (65 anni) e Giovanna Ferrari (63), sono stati due 'concorrenti': Singh Sarbjit, cittadino indiano di 33 anni e Adnan Muhammad, pachistano di 32 anni, ritenuto l'uomo che materialmente ha premuto il grilletto del fucile. "Abbiamo raccolto la confessione piena", ha affermato il procuratore di Brescia, Tommaso Buonanno, nella conferenza stampa convocata a 24 ore di distanza dall'arresto avvenuto ieri a Casazza, in provincia di Bergamo.

I due sono ritenuti responsabili anche del tentato omicidio dell'albanese Arben Corri, il dipendente dei Serramondi che all'inizio di luglio cadde in una imboscata all'uscita dal locale gestito dalle due vittime. L'uomo, appena salito sulla propria autovettura, fu raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco riportando diverse ferite. Ad incastrali, le immagini delle videocamere, l'acquisizione di dati telefonici, gli appostamenti sul territorio e, soprattutto, e' stato spiegato, "l'individuazione di impronte papillose all'interno del negozio che ci ha permesso di identificare uno dei due responsabili".

I due erano arrivati davanti alla pizzeria a bordo del proprio motorino, che poi hanno cercato di distruggere ma che e' stato individuato dagli investigatori. Avevano fatto irruzione nel locale e fatto fuoco con un fucile, prima alla donna poi al marito mentre tentava di fuggire nel retro. Subito dopo l'agguato, "lungo la via di fuga si sono disfatti di tutto cio' che avevano usato per l'omicidio: dai guanti ai proiettili al fucile trovato in un canale". Infine sono ritornati sul luogo del delitto dove lo stesso Adnan si e' concesso alle telecamere dei giornalisti lamentando il fatto che il quartiere fosse "invivibile" perche' frequentato da "prostitute e spacciatori" e per questo non si facevano affari. Il movente e' "economico", hanno raccontato sempre gli inquirenti. Su questo pero' c'e' ancora da indagare: "sono in corso accertamenti".

Le vittime e il pachistano avevano "due esercizi commerciali simili a pochi metri di distanza uno dall'altro" ma, mentre la pizzeria dei Serramondi "era conosciuta da tutti e tutti la frequentavano, l'altra non aveva clienti". Il pachistano possiede infatti, proprio di fronte alla pizzeria 'Da Frank', un proprio locale, il 'Dolce & salato'. Una attivita' che negli anni scorsi aveva rilevato proprio da Serramondi per una cifra di circa 200 mila euro. La sua attivita', al contrario di quella gestita dalle vittime, versava pero' in cattive acque finanziarie.

Tags:
bresciakiller







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.