A- A+
Milano
Caldo, condizionatori e black out: Milano resta senza energia

Milano non ha approvvigionamenti di energia sufficienti ad affrontare l'ondata di caldo: almeno 80 le vie di Milano sono rimaste al buio perché l'ampio ricorso a climatizzatori ha comportato che non vi fosse energia sufficiente per l'air-conditioning e per l'illuminazione. «L’aumento dei consumi elettrici dovuto al caldo sta causando temporanei disservizi in alcune zone, i nostri tecnici stanno intervenendo», ha affermato l’azienda municipale A2Asu twitter.

BUENOS AIRES IN TILT/ Oggi alle 12 a rimanere senza corrente è stato corso Buenos Aires, con numerosi disagi, semafori in tilt e persone intrappolate negli ascensori. Blackout pure al Pirellone, durante la seduta del Consiglio regionale. E il presidente di turno Sara Valmaggi ha consentito che i lavori proseguissero senza giacca.

FORZA ITALIA VUOLE... FARE LUCE/ Il coordinatore cittadino di Forza Italia Milano, Giulio Gallera, vuole far luce sui black out e presenterà un'interrogazione in Comune. “Gravissimo - dice - quanto successo ieri in seguito all’utilizzo straordinario di energia per affrontare l'ondata di afa che ha colpito molte città. Almeno 80 vie di Milano sono rimaste al buio, al caldo e con ascensori bloccati, insomma una città nel caos. Il carico dei consumi, normale e prevedibile per questa stagione, ha messo  l’impianto per la fornitura di energia sotto stress fino al blocco, pare una mancata manutenzione da parte di A2A.Vogliamo delle risposte - annuncia - e nei prossimi giorni presenterò un’interrogazione in Consiglio Comunale per verificare se vi siano responsabilità a carico della multy utility che, negli ultimi tempi, pare aver ridotto drasticamente la manutenzione alla rete elettrica; e per conoscere l’entità de lle risorse investite proprio nella manutenzione. Il black out di ieri non deve più ripetersi, non è degno di una città che ambisce al ruolo di capitale internazionale. Ci aspettavamo da parte dell’azienda A2A almeno una comunicazione più puntuale a disposizione dei cittadini e ci aspettiamo, invece, al più presto delle risposte e delle conferme sul fatto che abbiano riportato la situazione alla normalità”.

DE CORATO: "CHI RISPONDE DEI DANNI?"/ “Chi risponde dei danni del black out? Quello che è successo ieri ha creato danni alle famiglie e ai commercianti di 80 vie della città, che adesso dovrebbero avere un diritto a un risarcimento. A2a e Comune spieghino cosa è successo e si prendano eventuali responsabilità di fronte ai cittadini che sono rimasti al buio e al caldo. E oggi il black out si è ripetuto anche al Pirellone durante il Consiglio.Milano sta ospitando l’Expo e sta accogliendo turisti da tutto il mondo: è possibile che si debba presentare come una metropoli che non riesce a garantire il funzionamento dei condizionatori quando fuori ci sono 40 gradi? I danni d’immagine sono purtroppo evidenti, mi chiedo invece chi pagherà per quelli arrecati ai milanesi”. Lo dichiara Riccardo De Corato, vice-presidente del Consiglio comunale e capogruppo di Fratelli d’Italia–Alleanza Nazionale in Regione, sul black out.

Tags:
caldoafacondizionatorienergiaa2a







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.