A- A+
Milano
Caos vaccini, ipotesi addio ad Aria. Sullo sfondo la guerra nella maggioranza
Regione Lombardia: Letizia Moratti

Caos vaccini, ipotesi addio ad Aria. Sullo sfondo la guerra nella maggioranza

Una riunione lampo, con alcuni assessori e a capo Letizia Moratti. E poi la riunione di giunta del lunedì, dove verrà affrontato il tema Aria. Dopo il doppio ko, e la figuraccia di fronte a mezza Italia, sulla questione dei vaccini anti-Covid continua il caos. Come anticipato da Affaritaliani.it Milano, già oggi verrà presa una decisione definitiva. Le ipotesi sono due: o affidare l'intera prenotazione, fino a quando non entrerà in funzione il sistema Poste (quello che sta usando il resto d'Italia), alle Ats territoriali. Oppure chiedere a Poste di anticipare l'ingresso in Lombardia, sempre che questo sia fattibile. Almeno sul breve periodo queste sembrano essere le due strade. C'è poi un discorso di lungo periodo, e un discorso tutto politico.

LUNGO PERIODO/ Aria così com'è non funziona. Affari l'aveva scritto: da sempre il portale degli acquisti, e Lombardia Informatica, sono ben sotto lo standard minimo per una Regione come la Lombardia. Prima le scorribande politiche, poi la lotta per bande hanno portato Davide Caparini, l'assessore al Bilancio, a provare a mettere la parola fine con la fondazione di una società unica, da inserire nel sistema regionale con più forza. Via dunque Infrastrutture Lombarde, che tra inchieste e scandali non aveva più senso di esistere. E unificare Arca, la centrale acquisti, con Lombardia Informatica. Ma le strutture non si sono mai davvero amate. Tanto che oggi, addirittura, dalle parti della Giunta c'è chi ipotizza che ci sia una "manina" che va a sabotare - a livello informatico - tutta una serie di operazioni. Pare una caccia al colpevole, ma la voce gira. Al trentacinquesimo piano di Palazzo Lombardia qualcuno ha proposto anche di far entrare Poste nella proprietà di Aria, per renderla più efficiente. Politicamente sarebbe uno schiaffo alla Lombardia e alla sua pretesa di autonomia, però è in discussione.

LA VICENDA POLITICA/ C'è poi la questione politica, e non è poco. Perché attaccare Aria vuol dire attaccare tutti i protagonisti del primo anno di lotta contro il Covid. Per questo Fontana sta tenendo il punto, non parlando (a differenza di Bertolaso, Moratti e lo stesso Salvini, che sparano a palle incatenate). Il problema è politico perché i bene informati spiegano che su questa battaglia di Aria si sta giocando il futuro della Regione. Insomma, la campagna elettorale - tutta interna - è già cominciata. Se vinceranno quelli del "cambiamo tutto", allora inizia una fase due. Se invece prevarrà la linea difensiva allora potrebbe essere che chi è entrato con la seconda ondata sia indotto, anche in casi eccellenti, a fare passi indietro.

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    vaccinicremonaariaregione lombardialetizia moratti
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    “Renzi, l’odio e i paparazzi”. Le confessioni di Maria Elena Boschi
    AstraZeneca, nessuna risposta alla lettera Ue: "Contratto violato"
    Igor il russo manda 5 persone in ospedale


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.