A- A+
Milano
Caporalato e frode fiscale: sequestrati 120 immobili a imprenditore

Caporalato e frode fiscale: sequestrati 120 immobili a imprenditore

Sequestrati ben 120 immobili tra Milano, Lodi, Brescia, Torino, Genova e altre città ad  un imprenditore della logistica della società Premium Net. Il provvedimento è stato deciso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, su richiesta dei pm Bruna Albertini e Paolo Storari, i sequestri sono stati eseguiti dalla Guardia di finanza di Pavia. Le accuse sono numerose:  frode fiscali e riciclaggio, ma anche sfruttamento del lavoro, in particolare 'caporalato' nel facchinaggio. Destinatario del provvedimento un imprenditore 63enne residente in Svizzera e già ai domiciliari che sarebbe stato a capo tra il 2012 ed il 2018 di un "network di consorzi e cooperative", attraverso il quale avrebbe anche "reclutato manodopera in condizioni di sfruttamento", approfittando dello "stato di bisogno dei lavoratori, tenuti costantemente sotto la minaccia di perdere il lavoro". Operai che dovevano accettare condizioni diverse rispetto ai contratti collettivi nazionali su turni, ferie e gestione dei riposi.

All'indagine pavese è collegata l'amministrazione giudiziaria che venne disposta a maggio per Ceva Logistic Italia srl, ramo della multinazionale leader nel settore della logistica. Un commissariamento per "sfruttamento di manodopera": Ceva impiegava nella 'Città del libro', grande hub per la distribuzione di volumi, "manodopera fornita dalla Premium Net".

Parallelamente, almeno dal 2009 l'imprenditore avrebbe portato avanti, tra la Lombardia e il Lazio (un procedimento a suo carico anche dei magistrati di Velletri), "un sistema fraudolento di gestione delle attività economiche finalizzato ad evadere le imposte", affiancato "da un'attività" di "occultamento della provenienza illecita dei profitti", con 'schermi' societari e prestanome. Il tutto, tra cui anche proventi di "truffe ai danni del sistema previdenziale e del mancato pagamento ai dipendenti del tfr (gli operai venivano spesso licenziati e poi riassunti in altre cooperative, ndr)", poi riciclato, secondo i giudici, "in investimenti immobiliari". Solo nel "procedimento pavese", si legge ancora nel decreto, si parla di imposte evase per "14 milioni di euro".

Sequestrati, oltre a conti correnti e una polizza assicurativa, immobili tra Padenghe sul Garda e Manerba del Garda (Brescia), Camogli (Genova), Lodi, La Thuile (Aosta), Milano anche in zone come Porta Romana e Porta Venezia, Sauze di Cesana (Torino), tutti riconducibili all'imprenditore.

Loading...
Commenti
    Tags:
    caporalatofrode fiscalemaxi sequestroguardia finanza pavia

    Regione Lombardia Video News








    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Riapre la discoteca del Just Cavalli Milano, meeting point deluxe
    Paolo Brambilla - Trendiest
    AUTOSTRADE E LA TRAPPOLA SEMANTICA
    Bepi Pezzulli
    Divani & Divani by Natuzzi fa sempre la differenza per innovazione tecnologica
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.