A- A+
Milano
Case a Milano, il prezzo del mattone aumenta in tutte le zone. La mappa

IMPRESE.LAVORO.COM - Milano – Gli ultimi dati relativi all’andamento del mercato immobiliare evidenziano una distanza crescente fra le performance rilevate a Roma e quelle di Milano: nella Capitale il mattone stenta a ripartire mentre il capoluogo meneghino registra valori in costante aumento. Questa situazione si riflette anche sull’andamento del mercato nei singoli quartieri. Secondo il focus di Immobiliare.it (https://www.immobiliare.it) che ha puntato la lente sulle zone delle due metropoli, a Milano tutte le aree sono coinvolte nel trend di crescita dei prezzi, mentre a Roma più di un’area su tre registra valori in stallo o in diminuzione rispetto all’anno scorso. Il quartiere milanese che ha registrato la miglior performance nel corso degli ultimi dodici mesi è quello di Città Studi, dove i valori del residenziale, complice una domanda in costante aumento, sono saliti del 20% (4.595 euro/mq).

Seguono con una crescita del 15% i quartieri di Istria-Maggiolina e di Cimiano-Adriano-Crescenzago, con valori al metro quadro pari rispettivamente a 3.641 euro e 2.573 euro. Sono più contenute le oscillazioni rilevate nei primi tre quartieri romani saliti sul podio delle miglior performance immobiliari: la prima è la zona dei Colli Albani-Appio Latino, dove i prezzi in un anno risultano aumentati del 13% (4.045 euro/mq). A seguire si trovano, a pari merito, le più centrali Aventino-San Saba-Caracalla (6.371 euro/mq) e Testaccio-Trastevere (6.031 euro/mq), dove i valori sono cresciuti dell’11%, e la zona di Trigoria-Castel Romano (2.083 euro/ma), trascinata dagli interventi di nuova costruzione. Al terzo posto, con un aumento del 10%, si trova l’area di Monteverde-Gianicolense-Colli Portuensi (4.197 euro/mq). Dati alla mano, una casa vista Duomo batte per valore un’abitazione con affaccio sul Colosseo: all’ombra della Madonnina la spesa media al metro quadro da mettere in conto è di 9.184 euro mentre al centro di Roma la cifra si ferma a 7.865 euro/mq. A Milano le tre aree meno care in assoluto registrano comunque valori in aumento, rispetto all’anno scorso, e i prezzi medi risultano sempre al di sopra dei 2.000 euro/mq. La più economica è l’area di Baggio-Bisceglie-Olmi dove, a fronte di un aumento annuale del 5%, i prezzi si attestano a 2.286 euro/mq. A seguire si trova il quartiere di Affori-Bovisa in cui, dopo un incremento del 9%, i valori hanno raggiunto la media di 2.503 euro/mq. La terza zona meno cara di Milano è la già citata Cimiano-Adriano-Crescenzago.

Commenti
    Tags:
    case a milanoprezzo caseimmobilimilanocase in vendita milanocase in affitto milano










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Il crepuscolo della ragione. Davvero lo è? Ne parlo con il sociologo Giovanni Cozzolino
    Di Antonella Gramigna
    1-2 ottobre appuntamento con l’AIM Investor Day di IR Top Consulting
    Paolo Brambilla - Trendiest
    6 Trend per la moda uomo dell'autunno-inverno 2020
    Anna Capuano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.