A- A+
Milano
Droga, emoticon su WhatsApp per lo spaccio. 8 arresti a Monza

Spacciavano marijuana, hashish, cocaina e droghe sintetiche usando WhatsApp, la popolare applicazione per telefonini, e Facebook. Lo ha scoperto la Polizia di Monza, che ha operato 8 arresti e 5 obblighi di dimora, nei confronti di giovani italiani. Gli indagati sono 61. L'indagine era stata avviata un anno fa a seguito del malore di una ragazza. Gli investigatori hanno decifrato il linguaggio in codice usato dai giovani: gli emoticon rappresentavano i diversi tipi di droga (il quadrifoglio,ad esempio,rappresentava un dose di cannabis).

Nell'indagine gli investigatori del commissariato di Monza sono riusciti a decifrare il linguaggio in codice utilizzato dai giovani: i più comuni emoticon rappresentavano i diversi tipi di droga (un quadrifoglio era una dose di marijuana). Ed espressioni comunissime tra i giovani avevano, in realtà, significati commerciali, come "andiamo a bere" (acquistare ketamina liquida) o "dieci libri di scienze" (chiedere dieci grammi di marijuana). La rete era molto estesa, tanto ai provvedimenti cautelari si sono aggiunti una cinquantina di decreti di perquisizione. Fra le otto persone arrestate, sette sono state bloccate in flagranza per l'ingente materiale trovato in casa proprio durante le perquisizioni. Scoperta anche una miniserra per la coltivazione casalinga delle piantine di marijuana.

Tags:
emoticonwhatsappmonzadroga






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.