A- A+
Milano
Epatite C: dalla Lombardia 160 milioni per i farmaci

Epatite C: la Lombardia e' stata tra le prime regioni ad attivarsi per l'erogazione dei nuovi farmaci per l'HCV, appena sono stati autorizzati in Italia, e gia' a dicembre 2014 le Strutture Lombarde erano in grado di assicurare l'erogazione. Oggi il numero di pazienti presi in carico dalle strutture lombarde e' di circa 2.400, sui 7mila previsti entro 18 mesi cosi' come stabilito dall'Agenzia Nazionale per il Farmaco. Regione Lombardia, in pochi mesi, e' gia' riuscita a coinvolgere il 35 per cento dei lombardi, confermando come le strutture stiano prendendo in carico i pazienti sulla base dell'appropriatezza prescrittiva e in modo molto veloce anche in confronto ad altre Regioni (che si attestano su numeri molto piu' bassi). La Direzione generale Salute, attendendo che a livello ministeriale venga definito il fondo per i farmaci innovativi, ha anticipato finanziando fino ad oggi la distribuzione e la somministrazione di questi farmaci prevedendo 160 milioni di euro per il trattamento.

Tags:
santàregione lombardiaepatite c







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.